L’influenza ed il raffreddamento sono sintomi tipici della stagione autunnale ed invernale, sia per grandi che per i bambini. A maggior ragione nei primi anni di vita ed in età prescolare, i bambini sono maggiormente suscettibili all’influenza e alle altre malattie da raffreddamento. Tra le cause principali vi è il fatto che le loro difese immunitarie sono ancora in via di costruzione, ma anche la permanenza per molte ore al giorno in luoghi chiusi, come asilo e scuola, fonti di virus e batteri. In caso di una fastidiosa congestione nasale nei bambini, vediamo alcune soluzioni per alleviare i sintomi.

congestione nasale nei bambini
Come intervenire in caso di congestione nasale nei bambini (pixabay.com by smengelsrud)

Congestione nasale nei bambini

La congestione nasale nei bambini è un fatto molto comune. Tutto potrebbe iniziare da un semplice raffreddore dovuto a un’infezione virale, che comporta un ostruzione nasale che inizia con la congestione, seguita dalla comparsa di secrezioni liquide di colore chiaro che possono poi addensarsi. E’ fondamentale ridurre al minimo la possibilità di un’ostruzione nasale nei bambini, soprattutto nelle ore notturne, per non compromettere il sonno del bambino. Anche se un bambino piccolo non sa soffiarsi il naso, occorre però avere delle accortezze per garantirgli una respirazione corretta. Ad esempio:

  • Nella stanza in cui il bambino dorme è importante la presenza di un deumidificatore (ad link), per garantire il giusto livello di umidità. Infatti, se l’aria è troppo secca, la respirazione del bambino è più difficoltosa.
  • Avere la buona abitudine e la costanza di lavare regolarmente le fosse nasali del bambino con la soluzione fisiologica, utile ad asportare impurità e liberare il naso.
  • Evitare assolutamente di esporre il bambino a fumo passivo o a smog.

Sintomi della congestione nasale nel bambino

Quando il naso si chiude, va da se che viene impedita un’adeguata respirazione. Ciò comporta un disturbo del sonno e, nel caso i bambini riuscissero a dormire, una respirazione affannata e rumorosa. Nei casi peggiori, vi è la possibilità di otiti. In caso di neonati, una congestione nasale può interferire con l’allattamento.

Come combattere una congestione nasale?

Se non avete messo in atto i consigli per prevenire una congestione nasale, le stesse tecniche sono utili per combattere i sintomi, quindi:

  • Umidificare l’ambiente con un appositi umidificatore i vaporizzatore,
  • Umidificar il nasino con soluzioni saline,
  • Prevenire la disidratazione, dando al bambino molta acqua e altri liquidi da ere durante tutta la giornata,
  • Tenere sollevata la testa del bambino mentre dorme, ad un’altezza superiore a quella del resto del corpo. Questa postura facilita la respirazione se il bambino è affetto da congestione nasale.

Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Potrebbe interessarti anche
Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.