Sport e cultura, binomio perfetto: ecco la riedizione del libro dedicato al mosaico di Paladino

“Un casco blu come se proteggesse il mosaico. Il colore che ricorda il mare e un uccello che simboleggia il volo”. C’è un vero e proprio connubio tra sport e cultura, o meglio tra la Motonautica e il mosaico di Mimmo Paladino esposto al Museo dell’Ara Pacis a Roma. Proprio qui ho provato ad avvicinare due realtà in un colpo solo, durante la presentazione della ripubblicazione del libro “Ara pacis – Un mosaico di Mimmo Paladino“.

La nuova edizione del libro dedicato al mosaico di Mimmo Paladino

Ho iniziato a raccontarvi questa avventura con il pensiero di Alfredo Amato, uno dei campioni del mondo di Motonautica, che ha provato a dare il suo significato al mosaico nell’ottica del suo sport. Appasionato di archeologia, il pilota napoletano ha partecipato alla presentazione della nuova edizione del libro dedicato al mosaico di Mimmo Paladino in occasione dei 30 anni di Consulbrokers, una delle società di brokeraggio assicurativo piu’ importanti a livello nazionale e internazionale, di cui lui è l’amministratore delegato.

Ad aprire i lavori è stato il critico d’arte e promotore per la realizzazione del mosaico Ludovico Pratesi che ha dichiarato: “Ringrazio la Consulbrokers che ha permesso la riedizione di questo volume così importante. Questo mosaico nasce dall’idea di Eugenio La Rocca (all’epoca Sovraintendente ai Beni Culturali Comune di Roma) che volle nobilitare il cantiere dell’Ara Pacis. Paladino si impegnò molto per trasmettere tutta l’anima dell’Ara Pacis nel suo mosaico, andando addirittura ad usare solo tessere usate anche in epoca romana. Vedere, quindi, questo mosaico riportato alla sua importanza, mi inorgoglisce. Questo è il mosaico perfetto per Roma. Se un turista ci chiedesse cosa ha fatto la città negli ultimi 10 anni, la risposta sarebbe questo mosaico”.

Pratesi, critico d’arte e promotore dell’opera: “Questo è il mosaico perfetto per Roma

Per Consulbrokers, che ha permesso la ristampa del libro, è intervenuto Antonio Perretti: “Trovare un operatore che dopo 30 anni possa vantare risultati, realizzazione di progetti internazionale e consolidazione è, sicuramente, un qualcosa di cui andare orgogliosi. Noi siamo partiti da una piccola realtà del sud Italia con un progetto quasi visionario ed essere qui ora è motivo di emozione e felicità. Ma il business deve anche guardare all’arte, dato che può aiutarla. Per noi di Consulbrokers, però, può valere anche il contrario. Il business, secondo il nostro credo, deve infatti avere sempre al suo interno creatività e dinamismo“.

Orietta Rossini (in rappresentanza della Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali) ha poi ricordato la storia del mosaico: “Mi fa un enorme piacere che questo libro sia stato ristampato, visto che sono molto legata al mosaico del quale io stessa mi sono occupata in prima persona di posizionare qui. Mi ricordo quando, 12 anni fa, ci fu l’inaugurazione di questa struttura, anche se l’idea nacque già per il Giubileo per il 2000. Il Museo dell’Ara Pacis, anche grazie al mosaico del Paladino, rimane tra i più importanti di Roma“.

Alla prossima avventura…


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici




Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.