Visita alle cave di marmo di Carrara

L’Italia è famosa in tutto il mondo per la presenza di luoghi decisamente affascinanti. Ad esempio le rinomate città d’arte, i borghi medioevali e le realtà come Roma. Che pur essendo ormai una metropoli rimane affascinante e magica per la storia che sprigiona ad ogni angolo. Vi sono poi le località di mare e di montagna, che ovviamente non vanno dimenticate. Tuttavia vi è qualcosa di decisamente originale che l’Italia possiede. Ovvero il marmo di Carrara.

Questo è uno dei veri e propri fiori all’occhiello del Belpaese da un punto di vista produttivo, ma lo è anche da un punto di vista turistico, considerando la possibilità, non nota a tutti i turisti, di visitare le cave di Marmo di Carrara. Quella che si può fare è una esperienza decisamente indimenticabile, che bisogna riuscire a vivere almeno una volta nel corso della propria vita.

Cave di Marmo di Carrara
Cave di Marmo di Carrara (pixabay.com by Digital341)

Vere e proprie cattedrali di roccia

Ma cosa hanno di così affascinante queste vere e proprie cattedrali di roccia, che rendono non solo Massa Carrara, ma tutta la Toscana, un luogo ancora più magico di quello che è grazie alla presenza di realtà come Firenze e Siena, solo per citarne due tra le più apprezzate dai turisti non solo italiani, ma provenienti anche da ogni altra parte del mondo? Senza dubbio ciò che colpisce subito quando ci si reca alle cave di Marmo di Carrara sono le strade decisamente polverose che si sviluppano attraverso le pendici delle Apuane. Già da sole sono in grado di regalare emozioni indimenticabili.

Un itinerario che merita senza dubbio di essere immortalato con almeno una fotografia. Il percorso attraverso le gallerie, non troppo illuminate e spesso quasi buie e scavate nel marmo. Risulta a volte non troppo semplice, ma la fatica che si fa viene ricompensata da un paesaggio sotterraneo che non può lasciare indifferente nemmeno il turista meno avvezzo a spettacoli di questo tipo.

cave di marmo di carrara
cava di marmo di Carrara (pixabay.com by FlorianJung)

Ma quali sono le cave che si possono visitare?

Tra le cave di marmo che si possono visitare dall’interno ve ne sono diverse che meriterebbero di essere citate e descritte in questa sede. Tra le tante si può ad esempio rammentare quella che si trova nei pressi del piazzale dei Fantiscritti, ovvero a Miseglia, in provincia di Massa Carrara. Ovviamente questa cava, così come ogni altra visitabile, non si può scoprire in autonomia, ma bisogna per forza di cose affidarsi a visite guidate, con le quali si ha la certezza di un tour svolto in completa sicurezza.

Fantiscritti è una delle cave ancora attiva

Tra le cave che ancora oggi sono attive vi è proprio quella di Fantiscritti. L’attività di estrazione viene messa in atto solitamente nelle ore mattutine, mentre il pomeriggio è dedicato ad accogliere i gruppi di turisti desiderosi di scoprire le cave di marmo che fanno di Massa Carrara una delle città italiane più famose in tutto il mondo. Non solo da un punto di vista produttivo ed economico, ma anche culturale. Ciò che colpisce di tutte le cave è senza dubbio l’altezza delle loro parete e l’atmosfera che si può definire quasi lunare. Un altro aspetto decisamente affascinante di questi luoghi è il silenzio totale che vi regna, tanto che anche una semplice goccia d’acqua che cade sul pavimento, rimbomba con una forza che è impensabile.

La nascita delle cave di Marmo di Carrara

Ovviamente visitando questi luoghi per certi versi ancestrali e come detto quasi lunari, si ha la possibilità di scoprire tutto sulla storia del marmo di Carrara e sulla sua lavorazione. Sono iniziate in tempi decisamente risalenti, ovvero nel II sec. a.C, durante l’Impero Romano. E tra i luoghi legati alle cave che meritano di essere visitati vi è appunto il Museo del Marmo. Si può compiere un viaggio assolutamente affascinante ed imperdibile, che insieme alle cave stesse rendono Massa Carrara una realtà tra le più affascinanti e particolari non soltanto di tutta la Toscana, ma anche dell’Italia. Si conferma come una realtà ricca di luoghi tra loro diversi.


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici




Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome:

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.