Al castello sforzesco di Milano Lionardo, la più grande opera fu proprio la sua eredità con Michele Placido nei panni di Leonardo da Vinci e suo figlio Brenno in quelli del suo allievo Francesco Melzi. Il Giornale: «Ma chi era esattamente Melzi? Nato a Vaprio d’Adda nel 1491, fu pittore pupillo di Leonardo; dopo aver conosciuto il maestro in occasione del suo secondo soggiorno milanese (1508-1513), gli rimase accanto fino alla morte, nel maggio 1519. […]

leonardo da vinci
Leonardo Da Vinci

Con un dialogo serrato, contemporaneo e comprensibile, si potranno scoprire alcuni segreti di una mente speciale proprio con l’aiuto del brillante Melzi. Fra i protagonisti nasce un’amicizia basata sulla stima reciproca e sul desiderio di condividere e fare della propria vita uno strumento di conoscenza, trasformando la loro vicenda in un modello di relazione maestro-allievo. L’obiettivo di questo spettacolo è rendere omaggio al genio di “Lionardo” e alla grandezza di Melzi, [che dopo la morte del maestro archiviò i suoi documenti e li organizzò sotto forma di codici]»


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: