È Atlantia il partner con il quale le Ferrovie dello Stato tratteranno il piano industriale per il salvataggio di Alitalia. La scelta è stata fatta dal cda di Fs, al termine di quasi sei ore di riunione. Respinte le altre tre proposte (il gruppo Toto, Claudio Lotito e German Efromovich). Si lavora quindi per costituire una cordata di quattro soci: Fs con il 35%, Delta con il 10-15%, Mef con il 15%, la società dei Benetton con circa il 15 per cento.

Il lavoro tra Fs e Atlantia e gli altri partner proseguirà nelle prossime settimane per definire il piano e l’offerta finale, definitiva e vincolante, da presentare ai commissari per l’acquisto della compagnia. L’offerta definitiva dovrà essere presentata entro fine settembre. La Newco Nuova Alitalia dovrebbe partire con un miliardo di capitale.

Alitalia
Alitalia

«Atlantia, la holding controllata dalla famiglia Benetton, ha avuto la preferenza già nelle valutazioni di Mediobanca, advisor di Fs, che ha fatto una relazione al cda di Fs. Da quanto trapela che la società è stata ritenuta più affidabile dal punto di vista industriale e con la miglior solidità finanziaria rispetto alle altre proposte. Atlantia controlla Autostrade per l’Italia e Aeroporti di Roma, che gestisce lo scalo di Fiumicino, l’hub di Alitalia. Questo viene ritenuto un fattore importante per lo sviluppo della compagnia da risanare e per il rafforzamento del piano industriale» [Dragoni, Sole].

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Giorgio Dell'Arti
Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: