28.3 C
Roma
sabato 15 Agosto 2020

Teatro Naturale All'origine della parola vino, facendoci guidare da miti e leggende greche

All’origine della parola vino, facendoci guidare da miti e leggende greche

Autore del contenuto

Oiniades era una delle città più importanti dell’antica Aitoloakarnania, proprio accanto ad Acheloos. Il suo nome denota un luogo o una regione di produzione vinicola. L’etimologia della quale può essere derivata è la radice della parola “vortice” (= vite), si conferma sia dalla sua associazione con vite, poiché, come detto, la regione è stata conosciuta dai tempi antichi come “terra buona” e ospitale per viti selvatiche e vitigni autoctoni che abbondavano in alcune aree, di solito “klaromenes” piante sul lago, e in autunno carichi di mafrostafylla acre.

Altrettanto possibile è che l’etimologia dell’Oiniades derivi dalla parola “vino”, come la regione è sempre stata conosciuta per la sua abbondante ed eccellente produzione vinicola. Fino a pochi anni fa erano numerosi in Missolungi e Agrinio enoteche e ristoranti che pubblicizzavano e vendevano vino genuino di Katochis, città di Etolia vicina alla Oiniades.

uva
(foto by pixabay)

Un terzo approccio etimologico vede il nome della città originare dal nome di una popolazione che aveva coltivato la vite, ancora sconosciuta nella zona circostante. Tale interpretazione trova una corrispondenza esatta in un’altra leggenda che si riferisce a Etolia e si lega strettamente con la comparsa della prima vite nel paese.

Secondo Ecateo di Mileto, l’evento ha avuto luogo poco dopo il diluvio di Deucalione, quando un figlio, Orestheas, si stabilì a Etolia come primo re. In Etolia la sua cagna partorì un pezzo di legno, e quando Orestheas l’ha sepolto, ha germogliato una vite, uva vite carica di uva. In ricordo di questo evento, Oresteas ha nominato il figlio che ha avuto in seguito, Fitio. Il figlio di Fitio era Oinéas, il cui nome deriva dalla parola “oinh” come i greci chiamavano la vite . 
Da Oinéa fu chiamata “oinos” il vino.

Sempre secondo la mitologia, quando il dio Dioniso in una delle sue peregrinazioni infinite si trovò in Etolia, ed è stato ospitato da Oinéa, re di Calidone. Il Dio felice dell’accoglienza e dell’ospitalità che trovò, diede in cambio ad Oinéas la prima vite per piantarla. Gli ha insegnato l’arte della coltivazione della vite e per onorarlo ha dato il suo nome al succo alcolico.
Così, da Oinéa il vino è stato chiamato vino.

Tranne la parola vino esistono più nomi associati al vino e la vite hanno la loro origine da Etolia. Secondo un’altra leggenda, Oinéas aveva un pastore chiamato Staphylos. Una volta il pastore ha osservato che una delle capre del suo gregge non pascolava con gli altri e che ogni giorno era più grassa, ed era sempre più vivace rispetto agli altri animali. La guardò e vide che stava mangiando uva. Ne mangiò anche lui, e siccome la trovò deliziosa, ne raccolse alcuni grappoli e andò dal suo signore. Oinéas li mescolò, prese il succo e fece una bevanda che lo chiamò vino. Per gratitudine al pastore ha dato il nome staphili (“ugola”) ricordando così il pastore Staphylos, ed al succo il suo proprio nome Oinéas-vino.

Il fatto che la Sud Etolia sia stata collegata alla coltivazione della vite sin dall’inizio è confermato anche da molti toponimi, da cui la tradizione enologica della regione.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.