15.7 C
Roma
domenica 3 Marzo 2024
Archivio AnteprimaAnteprima, la spremuta di giornali del 01 ottobre 2019

Anteprima, la spremuta di giornali del 01 ottobre 2019

Autore del contenuto

anteprima la spremuta di giornali

Clamoroso
Negli ultimi dieci anni, sui territori dell’ex Unione Sovietica sono state erette oltre 120 statue di Stalin.

In prima pagina
• Il governo approva la nota di aggiornamento al Def: stop all’aumento dell’Iva, 14 miliardi di flessibilità
• Oggi la Wto, l’organizzazione mondiale per il commercio, decide sui dazi che gli Usa vogliono infliggere alla Ue per aver finanziato illegalmente Airbus.
• In assoluto il numero degli occupati è cresciuto: però grazie alle assunzioni degli ultra cinquantenni. Nelle altre fasce d’età, l’occupazione cala. È salito il numero di chi non ha un lavoro e non lo cerca
• La Lega ha depositato in Cassazione il quesito per il referendum che si propone di abolire la quota proporzionale dalla legge elettorale
• I leader di tutto il mondo a Parigi per i funerali di Chirac
• L’ex Br Federica Saraceni, condannata per il delitto D’Antona, riceve i soldi del reddito di cittadinanza
• Concessa la semilibertà a Rudy Guede, condannato a 16 anni per l’omicidio di Meredith Kercher (Perugia)
• Monte Bianco, il ghiacciaio di Planpincieux accelera la caduta
• Milan, Rudi Garcia al posto di Giampaolo?
• La talpa della telefonata fra Trump e Zelenskyj è sotto protezione
• A Mogadiscio gli Shabaab hanno attaccato militari italiani e una base americana
• Crac Etruria, assolti i quattro dirigenti accusati di truffa
• La più grande class action tedesca contro Volkswagen
• Scontro tra tir sull’autostrada del Frejus. Muore carbonizzato un camionista
• È morto l’urbanista Giuseppe Campos Venuti
• Il Parma ha battuto il Torino 3 a 2.
• Nel Casertano un istruttore di equitazione ha abusato per anni delle allieve minorenni. Avevano tra i 6 e i 14 anni.
• Hajar Raissouni, giornalista marocchina, è stata condannata per «aborto clandestino» e per aver avuto «rapporti sessuali fuori dal matrimonio» con suo marito.
• La storia di Alessia, giovane campionessa di taekwondo, che ha dovuto rinunciare a combattere perché non ha ancora la cittadinanza.
• In nome dell’integrazione l’arcivescovo di Bologna, per la festa del Santo patrono, bandisce il maiale dai tortellini. Quest’anno saranno al pollo.

Lavoro
Racconta Donald Sutherland di quando un vecchio amico andò a far visita a John Gielgud, xall’epoca di 92 anni. Lo trovò a letto, molto agitato, gliene chiese la ragione e Gielgud rispose: «Non ho un lavoro» [Caprara, Sta].

Anna Rosa
Anna Rosa Pavan, 75 anni, trevigiana, diploma di scuola elementare, oggi compie 60 anni di impiego – e di contributi versati – alle Generali. Iniziò a 14 anni, così: «Un giorno arriva la bidella della scuola a casa mia, parla con mia madre, le dice che l’agenzia delle Assicurazioni Generali cerca personale». Fece un colloquio: «Il titolare mi guardò e mi fece notare che ero bassina. Mi chiese di prendere alcuni fascicoli dall’armadio, in uno scompartimento alto. Io mi alzai sulle punte, riuscii a prenderli. Disse a mia madre: “Si può fermare per il pomeriggio?”». Oggi è responsabile amministrativa della sede di piazza Indipendenza a Treviso, coordina dodici persone, inizia alle 7.55 e se ne va alle 20, «con qualche piccola pausa in mezzo». E non intende andare in pensione: «Tutti mi stimano. I titolari mi hanno detto che posso rimanere finché voglio. Li ho presi in parola» [Ferro, Rep].

Evasori
La Guardia di Finanza l’anno scorso ha individuato 13.957 evasori, ne ha arrestati 400, nessuno è stato messo in galera [Cingolani, Foglio].

Caso
Dal secondo Dopoguerra fino alla riforma del 1971-1974 in Italia i controlli sulle dichiarazioni dei redditi da parte dell’amministrazione finanziaria erano effettuati a sorteggio, cioè in base alla pura casualità. Dagli anni ‘80 in poi sono arrivate le manette agli evasori (1982), il redditometro (1983), i coefficienti presuntivi (1989), la minimum tax (1993), i parametri (1995) e gli studi di settore (1998). Negli anni più recenti è entrata in campo Equitalia, poi l’Agenzia delle entrate. Eppure tra ricorsi, patteggiamenti, inefficienza burocratica, lo stato riesce a recuperare in media appena l’11% del dovuto.

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese

.








Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.