28.3 C
Roma
sabato 15 Agosto 2020

Anteprima News Approvato “salvo intese” il Decreto Semplificazioni

Approvato “salvo intese” il Decreto Semplificazioni

Autore del contenuto

Succede oggi

Sole e qualche nuvola su tutta l’Italia. • Giornata dei caduti nel Mar Mediterraneo • I funerali, a Ratisbona, di Georg Ratzinger • Si inizia a Roma il processo a Pietro Genovese che investì e uccise col suo Suv le ragazzine sedicenni Gaia e Camilla • La Corte costituzionale si pronuncia su Autostrade • Conte a Madrid incontra il premier Pedro Sánchez • Sentieri di notte nel Duomo di Milano • Al via a Bologna la Repubblica delle idee (Repidee) • Il campionato su Sky e Dazn (il Torino rischia la serie A) • Bruce Springsteen su Rai 5, Fellini su Rai Movie • Il Vangelo di oggi: i nomi dei dodici apostoli.

Approvato “salvo intese” il Decreto Semplificazioni

Nella notte tra lunedì e martedì, dopo un consiglio dei ministri durato sei ore, il governo ha approvato un nuovo decreto legge «per la semplificazione e l’innovazione digitale». L’ha approvato con la formula «salvo intese», cioè senza diffonderne il testo e riservandosi nuove e ulteriori modifiche. Il decreto è composto da 48 articoli e 100 pagine, e prevede deroghe alle norme sugli appalti e sulle opere pubbliche da affidare a commissari, ricalcando il “modello Genova”, cioè le procedure sottoposte a minori controlli che hanno velocizzato la costruzione del nuovo ponte sul Polcevera. L’elenco delle opere considerate prioritarie e da sbloccare non è entrato nel testo del decreto, ma è nel piano Italia Veloce del ministero delle Infrastrutture, che è un allegato al Programma nazionale delle riforme. Il governo avrà tempo fino a fine anno per nominare i commissari attraverso decreti della presidenza del Consiglio. L’impressione è che la discussione delle opere da approvare terrà banco ancora a lungo. Il decreto è stato definito «la madre di tutte le riforme» dal premier Conte, che in conferenza stampa ieri mattina ha detto: «Il governo ha approvato l’elenco di 130 opere strategiche Italia Veloce individuate specificamente dal Mit (Ministero delle infrastrutture e dei trasporti), a queste aggiungiamo quelle per Cortina e quelle di competenza di altri ministeri, sanità, carceri, polizia». Italia Veloce di cui ha parlato Conte è il piano che prevede interventi da 200 miliardi di euro su strade e autostrade, ferrovie, trasporto metropolitano, porti e aeroporti.  L’elenco delle opere prioritarie è parte di quello contenuto in quel piano, «dalla Gronda alla statale Ionica, dall’ampliamento della Salaria, alla Pontina», ha detto Conte.
«Scorrendo la lista, si nota che le opere stradali, per le quali s’impegneranno circa 5 miliardi, sono localizzate prevalentemente nel Centro-Sud, quelle ferroviarie più cospicue nel Nord, quelle idriche soprattutto in Sardegna. Non poteva mancare, tra le strade, la famigerata Statale 106 Ionica, un lotto da 1,3 miliardi in Calabria. Poi l’autostrada tra Roma e Latina, che rileverà il traffico della Pontina verso le zone industriali. C’è poi il completamento del collegamento dell’Autostrada A12 tra Tarquinia e San Pietro in Palazzi e il tratto della Salaria che attraversa i Comuni del terremoto. La SS 675 Umbro-Laziale tra il porto Civitavecchia e il nodo di Orte. Al Sud ritroviamo lo svincolo SS514 di Chiaramonte con la SS115 in provincia di Ragusa. Nell’elenco sono comparsi in ultimo la Fano-Grosseto e la A24-A25.
«Circa 10 i miliardi dedicati alle opere ferroviarie commissariate. Tra quelle più citate dal governo, l’Alta Velocità tra Salerno e Reggio Calabria. Non manca il potenziamento della linea AV Fortezza-Verona verso il Brennero e della Venezia-Trieste, il raddoppio della Genova-Ventimiglia, compreso il collegamento al nodo di Genova e al terzo Valico, il raddoppio della Pescara-Bari, la linea Roma-Pescara, la nuova linea Ferrandina-Matera La Martella, la Palermo-Trapani via Milo, il potenziamento tecnologico e infrastrutturale della Taranto-Potenza-Battipaglia e la realizzazione dell’asse AV/AC Palermo-Catania-Messina. In coda risultano aggiunte la linea Pontremolese, la Mantova-Cremona-Codogno e l’anello ferroviario di Roma.
Le opere idriche al momento sono prevalentemente dighe, otto delle quali in Sardegna, due in Lombardia, una in Sicilia. Al rush finale ce l’hanno fatta la Darsena di Livorno e la diga Foranea di Genova. Nella lista entra l’opera ciclopica delle dighe del Mose di Venezia, già in fase di collaudo. Nell’elenco delle opere da commissariare sono finite anche quelle edilizie segnalate dal Viminale: tra caserme e questure, sono sei al Sud, quattro al Nord, due a Roma» [Baccaro, CdS]

Nonostante l’approvazione del decreto, Pd e Leu hanno manifestato ancora dubbi sulle modalità previste per l’affidamento degli appalti e sulle deroghe da concedere per sbloccare i lavori. Seguendo l’esempio del modello Genova, ai commissari saranno concesse tutte le deroghe alle norme che potrebbero rallentare l’esecuzione dei lavori, tranne a quelle penali, antimafia e sulla sicurezza sul lavoro. Leu ha ottenuto che venisse eliminata una norma che aumentava la percentuale di lavori che possono essere dati in subappalto, mentre il Pd ha ottenuto che non fosse derogabile la presentazione per le imprese del Durc, il documento che attesta la regolarità contributiva.

Trovato anche un accordo sulle modifiche al reato di abuso d’ufficio, su cui Italia Viva ha però voluto mettere a verbale la propria riserva: fino a oggi commetteva il reato di abuso d’ufficio chi si procurava un vantaggio violando «norme di legge o di regolamento»; con la modifica voluta dal governo il reato punisce chi ottiene un vantaggio violando «specifiche regole di condotta espressamente previste dalla legge o da atti aventi forza di legge e dalle quali residuino margini di discrezionalità».

Il Consiglio dei ministri ha approvato poi il Programma nazionale di riforma, il ddl di assestamento di bilancio e il rendiconto dello Stato che porteranno al Documento di economia e finanza del prossimo autunno. Il Def è il documento che contiene le intenzioni di spesa e le previsioni di crescita e di indebitamento del governo, insieme alla descrizione sommaria delle principali misure che il governo stesso intende introdurre.

Clamoroso

La capitalizzazione di Apple, pari a  1.400 miliardi di dollari, è superata solo dall’economia di 14 paesi al mondo [Dini, Foglio].

In prima pagina

• Il decreto semplificazioni è stato approvato dal governo «salvo intese». Conte parla di «130 opere strategiche» da sbloccare sul modello Genova, ovvero con commissari e minori controlli. Cambia l’abuso d’ufficio
• Nel 2020 il Pil italiano si contrarrà dell’11,2%, la peggiore flessione di tutta l’Ue. La previsione è della Commissione europea
• Secondo l’Ocse quest’anno l’Italia può perdere fino a 1,5 milioni di posti di lavoro. Cinquecentomila sono già spariti
• Il presidente del Brasile Bolsonaro ha il coronavirus. Duecentomila morti per Covid in Europa. In Australia lockdown per 6,6 milioni di persone
• In Italia calano i contagi (138), salgono i decessi per coronavirus (30). Altri 36 positivi su un volo Dacca-Roma. Speranza sospende i collegamenti aerei con il Bangladesh
• Domenico Arcuri è stato nominato commissario per la ripartenza in sicurezza delle scuole
• La Lega trasloca in via delle Botteghe Oscure, di fronte alla storica sede del Pci
• TikTok non sarà più disponibile a Hong Kong. L’azienda cinese proprietaria dell’app l’ha deciso in risposta alla legge sulla sicurezza nazionale imposta da Pechino
• È stato arrestato con l’accusa di spionaggio il portavoce del direttore dell’agenzia spaziale russa Roscosmos
• Maxi operazione contro il clan camorristico dei Senese: 28 arresti, confische per 15 milioni di euro, compresa la catena di ristoranti romani Da Baffo. Ai domiciliari Claudio Cirinnà, fratello della senatrice Monica, accusato di usura
• Al Bambino Gesù sono state separate due gemelle siamesi nate con le teste unite. È la prima operazione al mondo di questo tipo
• A Terni due amici di 15 e 16 anni sono morti nel sonno, ognuno nel proprio letto. La Procura apre un’inchiesta

Cultura

Libri

Al Teatro Franco Parenti di Milano presentazione di Il mistero della Notte. Una diagnosi per Michelangelo di Giangiacomo Schiavi (La nave di Teseo) (ore 19.30).

Al Maxxi di Roma presentazione di Vivere la musica. Affrontare gli ostacoli, i cattivi maestri e le folli regole del gioco (ore 21).

Musica
Nel Duomo di Milano secondo appuntamento del ciclo «Sentieri di note in Duomo» (ore 19). 

Concerto al Teatro alla Scala di Milano (ore 20) 

Cinema
All’Arena Milano Est di Milano presentazione di Il delitto Mattarella di Aurelio Grimaldi, alla presenza del regista (ore 21.30).






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.