10.8 C
Roma
lunedì 8 Marzo 2021

Antonio Ferraro

Giornalista pubblicista,manager televisivo e cinematografico, produttore, autore è stato più volte nella Commissione Finanziamento Film – Opere Prime e Seconde e Cortometraggi. E’ stato membro del Consiglio Nazionale dello Spettacolo e, nell’ambito della Biennale di Venezia, responsabile – e per tre anni Presidente di giuria - del Premio Film Cooperativo E’ stato Capo-Struttura Programmazione e Acquisto film di Rai Due. Nel febbraio 1995 è Direttore Generale della Sacis, consociata RAI. Successivamente, è responsabile acquisto film per RAI. Nel 1997 assume l’incarico di Coordinatore palinsesti e redazioni cinema di RTI MEDIASET. Nel 1999 è Amministratore Unico di AGER 3, producendo, tra l’altro, la miniserie “Resurrezione” dei fratelli Taviani e vari film. Nel 2000 STREAM lo chiama quale coordinatore per l’acquisto e la programmazione di cinema e fiction. Contemporaneamente è Docente in vari master dell’Università La Sapienza di Roma e della Regione Lazio. Nel 2014 è uscito il suo libro:.. Ma il cinema risolve.

Antonio Ferraro

Giornalista pubblicista,manager televisivo e cinematografico, produttore, autore è stato più volte nella Commissione Finanziamento Film – Opere Prime e Seconde e Cortometraggi. E’ stato membro del Consiglio Nazionale dello Spettacolo e, nell’ambito della Biennale di Venezia, responsabile – e per tre anni Presidente di giuria - del Premio Film Cooperativo E’ stato Capo-Struttura Programmazione e Acquisto film di Rai Due. Nel febbraio 1995 è Direttore Generale della Sacis, consociata RAI. Successivamente, è responsabile acquisto film per RAI. Nel 1997 assume l’incarico di Coordinatore palinsesti e redazioni cinema di RTI MEDIASET. Nel 1999 è Amministratore Unico di AGER 3, producendo, tra l’altro, la miniserie “Resurrezione” dei fratelli Taviani e vari film. Nel 2000 STREAM lo chiama quale coordinatore per l’acquisto e la programmazione di cinema e fiction. Contemporaneamente è Docente in vari master dell’Università La Sapienza di Roma e della Regione Lazio. Nel 2014 è uscito il suo libro:.. Ma il cinema risolve.
Advertisment

12 gambe 12 (si potrà ancora dire?)

Nell’avanspettacolo c’erano le nostre più profonde radici culturali Inizio anni ‘50, in un cinema di Roma. Una soubrette in due pezzi circondata da ballerine con lo stesso costume si esibisce in un numero...

Chi ha paura dell’uovo bollito? La scuola dei duri è a costante rischio bocciatura di regime

Nel 1920 i giornalisti Henry Louis Mencken e George Jean Nathan fondarono a New York la rivista Black Mask dedicata principalmente ai racconti polizieschi, gettando così le basi della scuola americana del...

Very uncorrect, Jeeves!

Il secolo scorso che, anche per il grande fervore intellettuale che lo ha caratterizzato, è stato soprannominato “il secolo breve”: mai tante innovazioni culturali e scientifiche e tanti esperimenti politici – alcuni...

Gli intellettuali giocano col trenino

Finché ha avuto la possibilità di avere un pubblico in studio, il presentatore di punta di Sky Alessandro Cattelan, nelle sua trasmissione E.P.C.C. (E Poi C’è Cattelan) faceva un gioco: poneva delle...

Hammamet: ok, c’è Favino ma Craxi e Amelio dove sono?

Normalmente, cerco di non cadere nell’errore (tale lo considero) di lasciare che, parlando di cinema, traspaia una mia posizione ideologica. Lascio questo esercizio alla pigra, conformistica e preconcetta critica “militante”. Nell’articolo che...

Una donna senza qualità di e con Velia Lalli

Una donna senza qualità Se Lenny Bruce avesse avuto le tette (sarebbe stato un ciccione) E’ il quinto spettacolo della Lalli e, come gli altri, è un lungo monologo intelligente, cazzaro (per usare un...

Quartett di Heiner Muller. Che spettacolo la decomposizione!

Quartett di Heiner Muller. Regia: Alessandro Marmorini. Con Cristina Golotta e Roberto Negri Quartett di Heiner Muller Nel 1981 Heiner Muller strinse in un distruttivo duetto tra la Marchesa Isabelle de Merteuil...

Anche la tv può essere una bottega artigiana

Le “botteghe” del cinema italiano (ma valeva per gran parte della produzione culturale) dell’immediato dopoguerra erano degli spazi aperti nei quali autori esperti, giovani apprendisti e colti passanti curiosi partecipavano generosamente alla...