8.9 C
Roma
giovedì 20 Gennaio 2022

Francesco Tagliente

Poliziotto, Questore e Prefetto. Promotore, prima a Firenze, poi a Roma da Questore, e a Pisa da Prefetto, di un nuovo diverso rapporto di intesa con la società civile. Nasce a Crispiano (TA) il 6 giugno 1949. È coniugato con Maria Teresa Magrini ed ha due figlie, Eliana ed Irene. Fino a 18 anni vive in famiglia insieme con il padre Donato, reduce di 4 campagne di guerra e della deportazione in Germania nel campo di concentramento nazista di Custrim, e con la madre Maria Addolorata Greco. Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi “Sapienza” di Roma. È pubblicista iscritto all’Albo dei Giornalisti. Nel 1967 entra nell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza. Dal 2000 al 2006 è Presidente dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, organo di consulenza tecnico amministrativa del Ministro dell’Interno e del Capo della Polizia. Dal 2002 al 2006 è responsabile della sicurezza della Nazionale di calcio in occasione del Campionato del Mondo in Corea e Giappone del 2002, dei Campionati Europei di calcio in Portogallo del 2004 e del campionato del mondo di calcio Germania 2006. E’ stato componente della Commissione Sicurezza UEFA. Ha contribuito all’elaborazione della normativa antiviolenza in ambito sportivo, entrata in vigore dal 2003 al 2006.

Francesco Tagliente

Poliziotto, Questore e Prefetto. Promotore, prima a Firenze, poi a Roma da Questore, e a Pisa da Prefetto, di un nuovo diverso rapporto di intesa con la società civile. Nasce a Crispiano (TA) il 6 giugno 1949. È coniugato con Maria Teresa Magrini ed ha due figlie, Eliana ed Irene. Fino a 18 anni vive in famiglia insieme con il padre Donato, reduce di 4 campagne di guerra e della deportazione in Germania nel campo di concentramento nazista di Custrim, e con la madre Maria Addolorata Greco. Si laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi “Sapienza” di Roma. È pubblicista iscritto all’Albo dei Giornalisti. Nel 1967 entra nell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza. Dal 2000 al 2006 è Presidente dell’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive, organo di consulenza tecnico amministrativa del Ministro dell’Interno e del Capo della Polizia. Dal 2002 al 2006 è responsabile della sicurezza della Nazionale di calcio in occasione del Campionato del Mondo in Corea e Giappone del 2002, dei Campionati Europei di calcio in Portogallo del 2004 e del campionato del mondo di calcio Germania 2006. E’ stato componente della Commissione Sicurezza UEFA. Ha contribuito all’elaborazione della normativa antiviolenza in ambito sportivo, entrata in vigore dal 2003 al 2006.
Advertisment

La bandiera italiana

Oggi il nostro tricolore compie 225 anni. Parlando della bandiera italiana, la prima cosa che mi viene in mente è la forza che esprime quale simbolo della nostra Patria e delle libertà conquistate....

L’ANRI segnala  il discutibile utilizzo del Tricolore nel corso della esibizione di Achille Lauro

La Presidenza dell’Associazione Nazionale Insigniti dell’Ordine al Merito della Repubblica Italiana (ANCRI), con una lettera indirizzata al Presidente della RAI Marcello Foa e alla Commissione di vigilanza dei servizi radiotelevisivi, si è...

L’importanza dei principi e dei valori Costituzionali

Il linguaggio della violenza e l’importanza di promuovere e divulgare i principi e i valori della nostra Costituzione per contenere il degrado etico e morale Un’adeguata promozione e divulgazione dei principi e dei...