13.7 C
Roma
lunedì 25 Gennaio 2021

Anteprima News Bambino lasciato senza regalo a scuola dalle maestre perchè "cattivo"

Bambino lasciato senza regalo a scuola dalle maestre perchè “cattivo”

Autore del contenuto

«È l’ultimo giorno di scuola e, come da tradizione, le maestre distribuiscono un dono ai bambini della scuola materna. In classe c’è emozione tra i piccoli alunni e anche Giovanni (nome di fantasia), 4 anni appena compiuti non vede l’ora di scartare il suo. Che cosa sarà? Chiede emozionato a un amichetto mentre le maestre hanno iniziato a distribuire i regali. Lo saprà poco dopo quando i pacchi saranno finiti e lui resterà a mani vuote. Un errore? Macché, una punizione, perché Giovanni è stato “cattivo”, anzi “troppo agitato a causa del suo carattere”, spiegano le insegnanti mentre il piccolo alunno ha i lucciconi agli occhi. “Se ti comporterai bene lo avrei a gennaio”, aggiungono le insegnanti mentre gli altri bambini hanno già iniziato a giocare con i doni. Giovanni è l’unico a uscire da scuola senza avere in mano il pacchetto natalizio e si vergogna tanto, è mortificato. Torna a casa e in lacrime racconta tutto alla mamma. La signora quasi non ci crede, pensa a un fraintendimento, poi chiama la scuola e, secondo il racconto che poi farà sui social, riceve una conferma che ha il sapore della beffa. La notizia in poco tempo diventa virale sui social con una raffica di commenti contro le insegnanti e di consolazione per il piccolo protagonista della storia. Che viene pubblicata anche sul Tirreno. La preside della scuola della Versilia si scusa con i genitori e chiede alla mamma del bambino di poterla incontrare. Ma il provveditore di Lucca, Donatella Buonriposi, fa sapere di aver disposto l’apertura di un’indagine interna e non esclude un provvedimento disciplinare contro le maestre» [Gasperetti, Corriere della Sera].

Le maestre si sono pentite. Hanno spedito una mail in cui dicono: «Chiediamo scusa per aver preso una decisione sbagliata e ci dispiace per il bambino», ricordano il «momento difficile» in cui sono chiamate a «operare», e aggiungono: «Siamo ulteriormente dispiaciute perché in tanti anni di lavoro non ci siamo mai messe in una situazione di questo tipo né vorremmo che ne risentisse la scuola che da sempre è stata apprezzata dai genitori» [Montanari, Rep].






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.