17.1 C
Roma
domenica 25 Settembre 2022
In evidenzaBianca, nulla, nulla, bianca, Mattarella!

Bianca, nulla, nulla, bianca, Mattarella!

Autore del contenuto

Il Covid ha di fatto abolito i rapporti sociali, le grandi manifestazioni, la vita di gruppo. Per fortuna con due eccezioni: l’elezione del capo dello Stato e il festival di Sanremo.
Hanno molti punti in comune: durano tanto (praticamente una settimana), sono pieni di colpi di scena, il vincitore non è mai scontato, sono un continuo alternarsi di dilettanti sprovveduti e professionisti smaliziati.
Nel caso della elezione i dilettanti sono stati maggioritari.

Riguardo gli esiti di Montecitorio, più o meno tutti concordano su vincitori e vinti.
Vincitori, nell’ordine: gli onorevoli che raggiungono la pensione e incassano lo stipendio fino a giugno ‘23 (non a caso gli unici lucidi e combattivi), Mattarella, Letta, Di Maio, Renzi, Meloni, Belloni.
Vinti: Berlusconi, Salvini, Draghi, Conte, Casellati, Franceschini, Casini.
Ormai tutto è stato detto, forse anche di più.

Mi limito ad esternarvi un dubbio e a segnalarvi la più divertente.
Il dubbio: perché mai Salvini ha voluto fare il King maker ufficiale?  Perché, direte voi, è (io direi meglio: si sente) il leader della coalizione.
Ma che fosse un mestiere difficilissimo ed ingrato era noto e l’essere il coordinatore del centro destra gli permetteva, anzi, di stare un passo indietro a garantire tutti gli alleati che ormai, grazie ai numerosi gruppi centristi, sono tantissimi.
Siamo di fronte alla solita sua irruenza e smania di protagonismo che dal Papeete in poi lo ha danneggiato assai.

La più divertente, per me. Uno degli ultimi giorni esce un’agenzia in cui l’ufficio stampa di Salvini (probabilmente per stoppare una indiscrezione sbagliata) precisava che il segretario stava cercando candidati solo tra gli avvocati e i professori universitari.

Oltre a darti l’impressione che ormai girassero a vuoto, tra un veto e l’altro, ti
immaginavi la seguente situazione: Salvini, con indosso la felpa della università’ Cattolica di Milano (così si risparmiava il rosario) che consulta l’elenco dell’ordine nazionale delle due professioni e sceglie – in assenza di qualunque criterio logico- un avvocato che tifa Milan, uno imparentato con la famiglia Verdini, uno che non ha mai difeso una “Olgettina” (sono pochissimi) oppure un professore ordinario in “storia della dittatura sanitaria e della persecuzione dei novax” ed un economista che insegna “no tax”.

Comunque bisogna riconoscere che Salvini e gli altri leader del centro destra hanno una forte attenuante: la candidatura di Berlusconi ed il suo ritardatissimo ritiro. Che hanno impedito fino all’ultimo una qualunque strategia.

Alibi che non possono nemmeno rivendicare perché è meglio non peggiorare la confusione in cui si ritrova la coalizione, tra malumori e accuse reciproche.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.