Calvizie: chi è pelato deve rassegnarsi?

Calvizie: chi è pelato deve rassegnarsi?

Sul problema dei capelli che cadono soprattutto a novembre: si tratta di «effluvio stagionale», vale a dire della fase telogen. I capelli attraversano la fase telogen in autunno e all’inizio della primavera. La «fase telogen», quella che, negli animali, è la muta. Santo Raffaele Mercuri, direttore dell’Istituto di Dermatologia e Cosmetologia dell’ospedale S. Raffaele di Milano: «I capelli vivono tre fasi: la chiamata “anagen”, quella della crescita del pelo; la “telogen”, quella terminale in cui il capello è ancora nel bulbo pilifero ma cessa dalle sue funzioni; la “catagen”, fase di riposo del follicolo. Dopo ricomincia l’anagen».

Chi è pelato deve rassegnarsi?

«No. Oggi esiste una tecnica, chiamata P.R.P. (plasma ricco di piastrine), e il S. Raffaele è uno dei riferimenti di eccellenza in Europa per questa tecnica. Una parte del sangue viene prelevato e scomposto in globuli rossi, bianchi e piastrine; queste ultime vengono concentrate, stimolate con il carbonato di calcio e altri fattori di crescita. Facciamo poi delle micro punture per stimolare determinate cellule staminali adulte che si trovano alla base di ogni follicolo pilifero attivo, per ridare scientificamente vita al ciclo del capello» [a Marco Palma, Giornale].

In prima pagina

Entra in vigore il nuovo Padre Nostro • Quattro membri del governo May si dimettono: verso un nuovo referendum? • Bagarre: il Senato approva il decreto Genova e Toninelli alza il pugno chiuso • Mattarella potrebbe non firmare la manovra • Lite Salvini-Di Maio sui termovalorizzatori • Il governo mette le mani sui soldi del Coni • Il Chelsea compra minorenni, indagato

Delitti e suicidi

  • Marcello De Prata, di anni 52, maresciallo della Guardia di Finanza, si presentò nella cartoleria della moglie Antonella Laurenza, di anni 45, e sparò a lei, poi sparò alla sorella sua Rosanna, insegnante di anni 43. Avendole ammazzate tutt’e due, tirò sui loro genitori, mandandoli all’ospedale. Infine appoggiò la canna della pistola alla tempia e fece fuoco. Si seppe poi che marito e moglie si stavano separando, lei terrorizzata che lui l’avrebbe ammazzata, ecc. (ieri in via Roma, Vairano Patenora, neanche settemila abitanti nell’Alto Casertano).
  • Gian Marco Gimmelli, di anni 32, convocò a casa la sua ex Ilenia Fabrizio, di anni 18, che gli aveva dato un bambino. Costei si presentò col compagno attuale, Claudio Zaccaria, di anni 25. Discutono e perdono il lume degli occhi. Dopo i cazzotti, Gimmelli piglia a coltellate Zaccaria finché non lo vede morto in terra, poi salta alla gola della ragazza, ma quella scappa col sangue che le cola pel corpo, esce in strada e grida: «Aiuto! Salvate Claudio!» non ha capito che Claudio è già andato. Il Gimmelli, rimasto solo, si taglia le vene. Poi apre il rubinetto del gas. Poi urla «faccio esplodere tutto!». Poi spalanca la finestra, s’affaccia e guarda giù. La folla e i poliziotti da sotto: «Fermo! Non farlo! Rientra!». Lui invece si tuffa, di testa, e si spiaccica sull’asfalto, però senza morire. Lo portano all’ospedale ed è gravissimo (ieri mattina, primo piano di via Fosso Santa Lucia, centro storico di Avellino).

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese

Anteprima


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici




Iscriviti gratuitamente al canale TV:

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: