venerdì 19 Luglio 2024
NetworkChi già legge ha l'obbligo di spingere gli altri a vivere questa...

Chi già legge ha l’obbligo di spingere gli altri a vivere questa esperienza

Autore del contenuto

“Chi già legge ha l’obbligo di spingere gli altri a vivere questa esperienza”. Così twittava ieri il Cardinale Gianfranco Ravasi, uomo dalla cultura illuminante (ma, soprattutto, illuminata). Parole che mi hanno indotta a una riflessione che desidero condividerti.

Ogni posizione d’obbligo:

  • riposa su una sua ragione, un suo “perché”
  • comporta un correlativo diritto della parte destinataria del comportamento obbligato.

Dunque

  • qual è la ragione che obbliga chi legge a spingere gli altri a farlo?
  • qual è il diritto di questi “altri”?

La ragione è complessa, non complicata.

E sta tutta in quella espressione, già cara a Don Milani: “I care”.
Già.
Spingere il nostro prossimo a leggere significa aver cura della sua istruzione, educazione e formazione.

Vuol dire avere a cuore che egli acquisisca strumenti cognitivi ed emotivi utili e necessari per costruire e rafforzare la propria consapevolezza, fortificare il proprio senso e la possibilità di scelta libera e genuina.

Il diritto sta nel poter contare sulla bontà della spinta alla lettura.

Chi già legge non deve solo fare proselitismo in favore della lettura, ma è reponsabile delle scelte di lettura altrui. Ed ecco l’importanza del proporre, recensire, consigliare .
Quindi, attenzione nel non cadere nel trappolone del “piuttosto che niente, meglio piuttosto”.

Bisogna saper scegliere cosa consigliare.

Bisogna saper contemperare suggerimenti di lettura tecnica con letture finalizzate al potenziamento della lingua parlata e scritta.

Qual è l’obbligo di chi è invitato a leggere?
Leggere.
Soltanto questo.

E il diritto di chi è obbligato a spingere gli altri alla lettura?
È il diritto di potersi fare parte attiva nella costruzione degli argini all’ignoranza, nel rendere prossima la conoscenza, fruibile la consapevolezza.

E, allora, prendiamoci cura gli uni degli altri e indichiamo, nei commenti, i libri che fanno bene, che aiutano.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.