Come è la spiritualità di un uomo impegnato di oggi? Non come quella di anni fa, certamente. Eppure la chiamata alla santità, ribadita dall’ultimo Concilio, è rivolta a tutti.

L’uomo d’oggi è chiamato ad essere spirituale nel bel mezzo della vita convulsa. E come è possibile? Per “spirituale”, per un cristiano, non si intende altro che un rapporto immediato con lo Spirito Santo. Necessariamente la spiritualità dell’uomo d’oggi non può che essere semplice. Non c’è tempo per congetture o lunghe meditazioni se non in qualche breve periodo all’anno. Merito di San Josemaría Escrivá è di aver vissuto lui per primo, e insegnato a vivere, un rapporto immediato con Dio.

Quando Sant’Agostino dice che Dio è nel suo cuore, più intimo a sé di lui stesso, allude alla presenza dello Spirito Santo nella sua anima in grazia. Il presupposto di questo atteggiamento è la convinzione che Dio è disposto a vivere sempre la parabola del figliol prodigo. Quella parabola è stata inventata da Gesù per farci capire che il ritorno a Dio è facile. Sono io che lo rendo complicato perché ragiono come il figliol prodigo: il mio peccato è troppo grande per essere perdonato, mi farò trattare da servo e non da figlio… mentre il Padre ragiona all’opposto: ammazzate il vitello grasso, portategli la veste più bella, mettetegli l’anello al dito. Gesù rappresenta bene il contrasto fra come penso io e come pensa Dio. Al Padre basta essere riconosciuto come Padre, basta che io sia pentito. Non aspetta che la mia conversione sia paludata da argomenti filosofici e approfondimenti teologici. Basta che io ritorni…

Mi sorprese San Josemaría che un giorno ci disse che lui viveva più volte al giorno la parabola del figliol prodigo. Mi sono distratto, anzi ho pensato e forse fatto cose cattive. Basta tornare e non ascoltare il diavolo che svolge la sua funzione: quella di dividere. Diavolo vuol dire proprio questo: colui che provoca la divisione.

Basta un attimo per tornare a Dio. San Giovanni stesso scrive in una sua lettera: anche se il tuo cuore ti rimprovera, Dio è più grande del tuo cuore.

Vivere il rapporto con Dio come un bambino.

Io devo riacquistare la fiducia che Dio è sempre lì. La vera disgrazia infernale è irrigidirsi e non essere più un bambino. Il regno dei cieli, la permanenza di Dio nel mio cuore, è di chi si fa come un bambino. Gesù lo ribadisce più volte agli apostoli. Negli ultimi secoli si è sentita l’influenza rigoristica della mentalità puritana, di marca ottocentesca inglese, che è entrata anche nelle coscienze cattoliche. Ciò che è materiale è peccaminoso, mentre invece Dio ha creato sia lo spirito che la materia. Oggi in realtà non c’è una ribellione verso la Chiesa come essa realmente è, c’è una ribellione verso il residuo di puritanesimo che riduce l’incontro con Gesù a una morale astratta. Invece Gesù è persona in carne e ossa, e chi vede Gesù vede il Padre, e chi legge il Vangelo è aiutato dallo Spirito Santo a capire l’infinita misericordia di Dio. Gesù dice che bisogna perdonare settanta volte sette: quanto più il Padre buono che è nei cieli saprà perdonare.

L’uomo contemporaneo, così occupato, troverà la strada del Padre se saprà vivere il rapporto con Dio come un bambino.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Giuseppe Corigliano
Ingegnere, napoletano, si è occupato di formazione giovanile e di comunicazione. Ha pubblicato per Mondadori nel 2008 "Un lavoro soprannaturale" per il quale ha ricevuto il premio Capri San Michele. Nel novembre 2010, sempre per Mondadori, è apparso"Preferisco il Paradiso. La vita eterna com’è e come arrivarci", che ha avuto sei edizioni ed è stato ripubblicato negli Oscar Mondadori. Nel giugno 2012 per l'editore Cantagalli è uscito un suo libro intervista ad Ettore Bernabei. Nel gennaio 2013 ha ricevuto il premio giornalistico "Le buone notizie" mentre nel febbraio 2013 è uscito per Mondadori "Quando Dio è contento/ Il segreto della felicità". Nell'ottobre 2015 pubblica con Mondadori "Siamo in missione per conto di Dio/La santificazione del lavoro"e nel novembre del 2017 "Cartoline dal Paradiso 2”. Nel 2019 con Mondadori pubblica “Il cammino di San Josemaría”. Collaboratore di Rai Vaticano, dirige la Fondazione Perseus, ollabora con la rivista Tempi. Ha realizzato documentari su S. Josemaría Escrivá, S. Alfonso de’ Liguori, sull’Introduzione al Cristianesimo di Joseph Ratzinger e sul magistero della Chiesa. Dal'70 all'80 ha fatto parte della direzione dell'Opus Dei per l'Italia ed è stato direttore della comunicazione dell'Opera in Italia per quarant'anni (dal 70 al 2011).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: