Conad compra Auchan, la distribuzione alimentare torna italiana

Con poco meno di un miliardo, Conad si è comprata i 1.600 punti vendita italiani di Auchan diventando così leader incontrastato della grande distribuzione organizzata.

La cifra non è stata ancora ufficializzata e l’accordo chiuso ieri mattina è ancora in attesa del via libera dell’Antitrust. Se tutto dovesse essere confermato la quota di mercato del gruppo bolognese, che era del 12,9%, dovrebbe salire intorno al 16,5%, mentre l’aggregato del fatturato con Auchan passerebbe da 13,4 a 17,1 miliardi di euro.

Conad, che pure è una società cooperativa, diventerebbe così leader davanti alla Coop che ha una quota di mercato del 14,2%. Ora alla Conad l’onere di risanare i deficit del gruppo francese che tra il 2013 e il 2017 ha perso 874 milioni di euro mentre il gruppo italiano, nello stesso quinquennio, ne ha guadagnati 871. La cosa non sembra preoccupare l’a.d. Francesco Pugliese: «Siamo soddisfatti di aver acquisito e riportato nelle mani di imprenditori italiani una rete di distribuzione di grande valore, che sta attraversando un periodo di difficoltà ma che ha grandi potenzialità. Oggi nasce una grande impresa italiana, che porterà valore alle aziende e ai consumatori italiani».
Fuori dall’accordo i 33 supermercati siciliani che potrebbero andare a una realtà locale.

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Giorgio Dell'Arti
Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: