Contrasti tra il ministro Tria e Salvini

Il ministro dell’Economia Giovanni Tria durante il dibattito sul Documento di programmazione economica e finanziaria a Montecitorio: l debito deve continuare a scendere, la finanza pubblica va gestita in modo prudente, il consolidamento di bilancio e il dialogo con la Commissione europea sono condizioni necessarie per tenere sotto controllo i mercati e ottenere più margini di flessibilità. Le misure indicate nel contratto di governo? Si attueranno, con gradualità: ma solo se adeguatamente coperte e finanziate. L’ex ministro Padoan ha applaudito, Salvini: è apparso piuttosto perplesso: «Sembra quasi che non creda troppo al contratto. Dopotutto il Def è stato ereditato e i margini di movimento non sono troppi. Ma il confronto vero sarà a settembre-ottobre quando ci sarà la prima manovra economica di questo governo. In quella sede parleremo di tutto quel che è previsto dal contratto» [Sta].

L’uccisione del rapper XXXTentacion

XXXTentacion, vero nome Jahseh Dwayne Onofry, 20 anni, americano, rapper, è stato ucciso lunedì mentre usciva da un rivenditore di moto a Deerfield Beach, in Florida, colpito da alcuni colpi di pistola esplosi da un Suv che poi è scappato.

Primi brani caricati su Soundcloud a diciassette anni, successo con Look at me, XXXTentacion ha poi pubblicato due album che lo hanno portato ai primi posti delle classifiche. Il brano Sad, dall’ultimo disco intitolato ?, ha ottenuto 270 milioni di streaming. Molti i problemi con la legge: nel 2016, già reduce da un anno di riformatorio, fu arrestato per rapina a mano armata; nel 2017 è tornato in prigione per aver aggredito la compagna incinta; liberato con la condizionale, era in attesa del processo. Nei suoi brani spesso faceva riferimento allo stato di depressione di cui soffriva da anni. Nell’ultima diretta su Instagram, poche ore prima dell’omicidio, ha detto: «Se dovessi morire o essere sacrificato, voglio essere sicuro che la mia vita abbia reso felici almeno cinque milioni di ragazzi, e che abbiano trovato risposte o soluzioni nella mia vita, indipendentemente da tutto quello che di negativo è legato al mio nome, indipendentemente dalle cattiverie che mi dice la gente».

Ieri pomeriggio sconosciuti hanno sparato a Jimmy Wopo, 21enne rapper emergente, mentre si trovava sulla sua auto nel distretto Travon Smart di Pittsburgh. Jimmy è morto sul colpo, l’uomo che si trovava in macchina con il cantante è rimasto ferito. 

Amori

Igor il russo, cioè il serbo Norbert Feher, ha risposto alla lettera di una giornalista del Corriere di Bologna che si chiama Andreina Baccaro, negando di essere uno stupratore, come sostiene la magistratura serba («potrei far fuori altri 50 uomini, anche armati, però non potrei far male a una donna»), e raccontando che nel carcere dove è rinchiuso (la Zuera di Saragozza) uomini e donne stanno insieme. «Questo è un carcere di massima sicurezza, però è misto con uomini e donne, roba che in Italia non esiste, e soprattutto si può battere il chiodo (…) È una vera fortuna sapere che si può fare colloquio con una detenuta e anche, più avanti, colloquio intimo! Roba da altro mondo, peccato che in Italia non esiste… Potrebbe essere una soluzione per molti casi disperati e per non distruggere le famiglie!» [Fasano, CdS].

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Giorgio Dell'Arti
Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: