12.7 C
Roma
venerdì 5 Marzo 2021

Teatro Naturale Ecco come l'olio d'oliva riduce il rischio d'infarto

Ecco come l’olio d’oliva riduce il rischio d’infarto

Autore del contenuto

L’olio d’oliva contro il rischio di infarto

Uno studio americano spiega che mangiare olio d’oliva almeno una volta alla settimana riduce il rischio che il flusso sanguigno si blocchi, in particolare tra persone obese. In particolare l’olio d’oliva sembra influenzare la funzione piastrinica.

Una ricerca americana condotta su 63 persone, obese, ma non fumatrici o diabetiche, ha concluso che mangiare olio d’oliva (ad link) almeno una volta alla settimana portava a una minore attività piastrinica nel sangue, che può ridurre la tendenza del sangue a coagulare e bloccare il flusso sanguigno,

Olio di oliva estratto a freddo
Olio di oliva estratto a freddo. (pixabay.com by ulleo)

Le piastrine sono frammenti di cellule del sangue che si aggregano insieme, formando grumi e coaguli. Essi contribuiscono all’accumulo della placca che ostruisce l’arteria, conosciuta come aterosclerosi, la condizione che sta alla base della maggior parte degli attacchi di cuore e ictus, secondo l’autore dello studio Sean P. Heffron, M.D., M.S., M.Sc., professore assistente alla NYU School of Medicine e al NYU Center for the Prevention of Cardiovascular Disease di New York, New York.

Utilizzando indagini sulla frequenza degli alimenti, i ricercatori hanno determinato la frequenza con cui 63 partecipanti allo studio, obesi, non fumatori e non diabetici, mangiavano olio d’oliva.

I ricercatori hanno scoperto che coloro che mangiavano l’olio d’oliva almeno una volta alla settimana avevano un’attivazione piastrinica inferiore rispetto ai partecipanti che mangiavano meno spesso l’olio d’oliva, e che i livelli più bassi di aggregazione piastrinica sono stati osservati tra coloro che mangiavano l’olio d’oliva più frequentemente.

“Le persone obese sono a maggior rischio di avere un attacco di cuore, ictus o altri eventi cardiovascolari, anche se non hanno il diabete o altre condizioni associate all’obesità. il nostro studio suggerisce che la scelta di mangiare olio d’oliva può avere il potenziale per contribuire a modificare tale rischio, potenzialmente abbassando la minaccia di un obeso di avere un attacco di cuore o ictus” ha concluso Heffron.







Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.