23.3 C
Roma
venerdì 17 Settembre 2021

Network Emergenza usura

Emergenza usura

Autore del contenuto

Sei arresti e un allarme che risuona sempre più forte. È il bilancio dell’operazione antiusura condotta dalle forze dell’ordine nei giorni scorsi sul litorale romano a sud di Ostia.

L’associazione Codici, partner di Moondo, impegnata da anni in attività di contrasto e lotta all’usura, ha espresso il suo plauso agli inquirenti richiamando le istituzioni a continuare una lotta senza quartiere ad una delle forme più odiose della criminalità: lo sfruttamento delle difficoltà economiche di famiglie e aziende a causa della pandemia.

“La pandemia – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – è stata trasformata in opportunità dalle organizzazioni criminali, che la stanno sfruttando per i loro affari illeciti. In questi mesi di crisi drammatica, tante famiglie e molte imprese hanno avuto, e continuano ad avere, difficoltà economiche. In alcuni casi, nel tentativo di trovare una via di uscita a situazioni disperate c’è chi si rivolge alle persone sbagliate. È quello che è successo anche alle vittime della banda di usurai sgominata dai Carabinieri della Compagnia di Anzio, un caso che merita la massima attenzione”.

Sono sei le persone arrestate, residenti tra Anzio, Ardea e Nettuno, con l’accusa di estorsione e usura in concorso. Tra il 2015 e il 2019, come appurato dalle indagini condotte dai militari dell’arma e dirette dalla Procura di Velletri, avrebbero concesso piccoli prestiti in cambio di interessi con tassi usurari.

“La richiesta di aiuto per salvare l’attività commerciale di famiglia – dichiara Giacomelli – si è presto trasformata in un incubo. Come spesso accade in questi casi, restituire i soldi è diventato impossibile e così si è passati alle minacce, anche di morte. Abbiamo predisposto un esposto alla Procura, pronti a fare la nostra parte per tutelare le vittime, ma con l’occasione vogliamo rinnovare l’invito alle istituzioni ad alzare la guardia. L’allarme usura risuona sempre più forte a Roma e sul litorale della capitale, servono interventi concreti e rapidi per aiutare chi è in difficoltà, per evitare che finiscano nelle mani degli strozzini. Non solo. Le indagini relative a questo caso sono scattate dalla denuncia di una delle vittime. È grazie al suo coraggio che si è arrivati agli arresti e questo dimostra l’importanza di denunciare”.

Codici fornisce da anni aiuto a chi si trova in difficoltà, attraverso gli Sportelli antiracket e antiusura, ed è impegnata in Tribunale al fianco delle vittime. È possibile richiedere l’assistenza dei legali dell’associazione scrivendo all’indirizzo email segreteria.sportello@codici.org oppure telefonando al numero 06.5571996.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.