8.9 C
Roma
giovedì 9 Dicembre 2021
Anteprima News Esame di maturità: i ragazzi hanno preferito le illusioni e il futuro

Esame di maturità: i ragazzi hanno preferito le illusioni e il futuro

Autore del contenuto

[GTranslate]

Ieri più di mezzo milione di studenti ha affrontato la prima prova dell’esame di maturità, quella di italiano. Opere, fatti, personaggi di riferimento delle sette tracce proposte: Il porto sepolto di Giuseppe Ungaretti, Il giorno della civetta di Leonardo Sciascia, e poi il Novecento di Corrado Stajano e il generale Carlo Alberto Dalla Chiesa, ucciso nel 1982 dalla mafia assieme a sua moglie Emanuela Setti Carraro. Le tracce preferite sono state il brano dello scrittore Philip Fernbach sull’illusione della conoscenza (30,8%), quello di Tomaso Montanari sull’uso del futuro (20,1%) e l’articolo di Cristiano Gatti su Gino Bartali, che con la sua bici salvò migliaia di ebrei.

esame di maturità
esame di maturità

Il primo a dirsi soddisfatto di questa prova è stato il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti: «Mi sono svegliato alle 6.30, poi sono andato al Ministero, ho aperto le buste e le ho inviate a tutte le scuole. C’è stato un riscontro bello e positivo. Se proprio dovessi darmi un voto, direi un otto». A Un giorno da pecora il ministro ha commentato: «La traccia su Dalla Chiesa, una persona dello Stato, come Borsellino e Falcone. Era tra i temi che avremmo potuto affrontare e mi sono detto: no, questa deve entrarci».

La scelta di un brano di Montanari è stata contestata da Salvini. Il ministro s’è difeso: «Almeno non ci potranno accusare di non esser aperti e democratici».

Infine su Bartali ha spiegato di aver voluto unire lo sport al giorno della memoria, tema che lo ha particolarmente coinvolto. Oggi è prevista la prova di indirizzo. Le polemiche però non mancano. C’è chi dice che c’era troppa storia, chi sostiene che sono temi troppo lontani dalla quotidianità dei ragazzi, chi ha lamentato l’assenza delle donne.

L’attacco allo storico dell’arte Tommaso Montanari di Salvini: «Montanari? Finché questo triste snob di sinistra insulta me, amen. Ma quando arriva a infangare due grandi come Fallaci e Zeffirelli, siamo al delirio. Che lasci ogni incarico pubblico e chieda scusa all’Italia».

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.