Mi capita di conoscere ogni tanto una persona che mi colpisce per la semplicità e la positività con cui affronta fatti e situazioni umane. Quasi sempre è un cristiano. Non è partigianeria dire così. Il cristianesimo semplifica la vita interiore e conferisce coraggio e chiarezza di giudizio.

Qualcuno potrà dire che ha conosciuto in ambienti clericali personalità non semplici. Ma, senza giudicare nessuno, bisogna distinguere fra chi ha un reale rapporto con Dio da chi, alle volte per fini personali, bazzica in ambienti ecclesiastici. Tutti noi abbiamo presente predicatori che si esprimono con parole che arricchiscono e fanno vibrare l’animo. Si potrebbero fare esempi concreti. E’ evidente che lo Spirito Santo quando c’è si fa riconoscere.

Signore perché quando sono vicino a Te mi semplifico? Si annullano tutte le complicazioni? Riesco ad accettare situazioni incresciose con animo leggero? Perché Tu sei l’Unico Necessario. La scena di Gesù con Marta e Maria mi torna continuamente in mente. Marta si lamenta perché Maria non l’aiuta a preparare il pranzo e Gesù invece la rimprovera perché Maria ha scelto la parte migliore… Forse che Maria, se fosse stata sola, avrebbe lasciato digiuno Gesù e i suoi accompagnatori? No. Avrebbe preparato, ma a tempo debito. Quando c’è Gesù bisogna stare ad ascoltare. Fare altro significa meritare un rimprovero perché la “parte migliore” va riconosciuta e valorizzata. Io sono come un bambino che si distrae ma, con pazienza, mi devo “portare” ad ascoltare Gesù, a dedicare tempo a Lui.

Cristo ritratto di Tiziano del 1553 al Museo del Prado
Gesù Cristo ritratto di Tiziano del 1553 al Museo del Prado

Un modo efficace per stabilire un rapporto facile e cordiale con Gesù è confessarsi spesso. Molti vedono difficoltà nella confessione perché si parla di “peccati” e non mi piace riconoscermi peccatore. Nell’episodio citato Marta commette un “peccato” perché trascura Gesù. Penso che devo pensare al peccato non come una trasgressione che verrà ripresa da un superiore severo. Il senso vero del peccato è dato dalla frase che ripetiamo spesso: “che peccato!”. Che peccato che io pensavo ad altre cose mentre Gesù mi parlava! Che peccato lasciare che si appesantisca la mia coscienza di tanti piccoli rimorsi senza andare ad abbracciare il Padre nella confessione, come il figliol prodigo della parabola! Che peccato dimenticarmi che le cose che mi stanno a cuore devo affidarle a Gesù e stare tranquillo! Gesù pensaci tu. Ecco che la vita si semplifica, diventa luminosa perché lascio fare a Dio come un bambino che da solo non è capace di risolvere nulla. Gesù lo ha detto: “Senza di me non potete fare nulla” e invece io voglio fare il bene (ciò che credo sia il mio bene) da solo, senza di Lui.

Questa è la semplicità del cristiano. Sapere di essere poca cosa, quasi nulla, di fronte al mio gran Papà, il Padre Nostro. Non a caso la tristezza è l’alleata del nemico. Direi che ne è la puzza. Suona male ma è così: la tristezza è la puzza del demonio. Se mi rendo conto di questo, è molto più facile scoprire le trame diaboliche. Quando comincio a essere triste: zac! Qui c’è di mezzo il diavolo, colui che divide. Quando sono sereno, malgrado il dolore o la contrarietà, significa che ho in me lo Spirito del Signore, lo Spirito Santo.

Un segno che mi fa capire se sono vicino a Dio è quando sono contento per il bene di un altro. Se ho un moto di insofferenza o di invidia devo capire subito che chi si muove in me è l’egoismo. Se mi lascio guidare da Gesù tutto credo, tutto spero, tutto sopporto. E’ San Paolo che lo dice. Non sto a fare i conti se mi hanno trattato male, divento paziente e sorridente, non sto a considerare quanto ho fatto di bene senza ricevere ringraziamenti, ho stima degli altri…
Com’è bello vivere fra cristiani veri…


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Giuseppe Corigliano
Ingegnere, napoletano, si è occupato di formazione giovanile e di comunicazione. Ha pubblicato per Mondadori nel 2008 "Un lavoro soprannaturale" per il quale ha ricevuto il premio Capri San Michele. Nel novembre 2010, sempre per Mondadori, è apparso"Preferisco il Paradiso. La vita eterna com’è e come arrivarci", che ha avuto sei edizioni ed è stato ripubblicato negli Oscar Mondadori. Nel giugno 2012 per l'editore Cantagalli è uscito un suo libro intervista ad Ettore Bernabei. Nel gennaio 2013 ha ricevuto il premio giornalistico "Le buone notizie" mentre nel febbraio 2013 è uscito per Mondadori "Quando Dio è contento/ Il segreto della felicità". Nell'ottobre 2015 pubblica con Mondadori "Siamo in missione per conto di Dio/La santificazione del lavoro"e nel novembre del 2017 "Cartoline dal Paradiso 2”. Nel 2019 con Mondadori pubblica “Il cammino di San Josemaría”. Collaboratore di Rai Vaticano, dirige la Fondazione Perseus, ollabora con la rivista Tempi. Ha realizzato documentari su S. Josemaría Escrivá, S. Alfonso de’ Liguori, sull’Introduzione al Cristianesimo di Joseph Ratzinger e sul magistero della Chiesa. Dal'70 all'80 ha fatto parte della direzione dell'Opus Dei per l'Italia ed è stato direttore della comunicazione dell'Opera in Italia per quarant'anni (dal 70 al 2011).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: