10.3 C
Roma
sabato 4 Dicembre 2021
Anteprima News Il test dell’astronave di Musk è finito con il botto

Il test dell’astronave di Musk è finito con il botto

Autore del contenuto

[GTranslate]

Ascolta il podcast

«Nel tardo pomeriggio di mercoledì (in Italia era notte), la tranquillità dell’area costiera di Boca Chica, nel Texas meridionale, è stata interrotta dalla fragorosa esplosione di un’astronave alta come un palazzo di 16 piani che si è schiantata al suolo: a bordo non c’era un equipaggio e nessuno si è fatto male. L’incidente è stato l’ultima parte di un atteso test effettuato da SpaceX, la compagnia spaziale statunitense del miliardario Elon Musk, per sperimentare le capacità di Starship, la sua nuova astronave che un giorno dovrebbe essere impiegata per i viaggi verso la Luna e Marte. A parte il finale esplosivo, il test ha permesso di raccogliere molti dati e informazioni per portare avanti il progetto. SpaceX sta lavorando a Starship da circa otto anni, ma i test con i primi prototipi erano iniziati solo nel marzo dello scorso anno. A vederla da lontano, l’astronave sembra un silo per la conservazione dei cereali, mentre da vicino ricorda nella forma l’astronave di Tin Tin nel racconto a fumetti Obiettivo Luna. Nella sua versione finale, Starship dovrebbe essere una delle più grandi astronavi mai realizzate, con un diametro di circa 9 metri e un’altezza di 50 metri. I piani prevedono che abbia la capacità di spostarsi in autonomia nello spazio grazie a sei enormi motori a metano» [Menietti, il Post]. Nonostante l’esplosione, Musk ha parlato di un successo: «Abbiamo ottenuto tutti i dati utili. Marte arriviamo».
«Evidentemente sono un uomo del secolo scorso, legato all’idea che certe decisioni, certi obiettivi, certe imprese siano troppo importanti, troppo determinanti – nel bene e nel male – per il futuro di tutti, per essere affidate all’arbitrio e/o alla disponibilità di singoli individui, sia pure così ricchi che se vogliono prendono al lazo un pianeta e se lo portano a casa. La privatizzazione del cosmo mi sembra una specie di iperbole, ma al tempo stesso di parodia, della privatizzazione di tutto, che è il vero segno della nostra epoca. Già piantare su un corpo celeste la bandiera di una nazione apparve un gesto improprio e riduttivo. Marchiarlo con un logo aziendale sarebbe un passo avanti per l’umanità?» [Michele Serra, Rep].

La Bce aumenta il bazooka

«Più ampie e più estese. Con un occhio anche all’euro e al suo rialzo. La Banca centrale europea ricalibra la manovra pandemica aumentando di 500 miliardi gli acquisti di titoli del programma Pepp, che ora raggiunge i 1.850 miliardi e si prolungherà di nove mesi, almeno fino a marzo 2022 e comunque fino a quando la crisi pandemica non sarà finita. La successiva manovra di reinvestimenti dei titoli a scadenza è stata prolungata a tutto il 2023, in modo da non interferire con la politica monetaria. La scelta dei nove mesi – ha spiegato in conferenza stampa la presidente Christine Lagarde – è legata a considerazioni sanitarie: a fine 2021 la situazione dovrebbe tornare lentamene verso la normalità. La terza tranche di Tltro, le operazioni di liquidità di lunga durata finalizzate alla concessione di prestiti alle aziende, avrà condizioni più favorevoli – sostanzialmente un tasso di interesse del -1% – fino a giugno 2022, e non solo fino a giugno 2021, per le banche che avranno raggiunto nuovi target di concessione dei prestiti. Tra giugno e dicembre 2021 saranno inoltre realizzate tre nuove aste. Potranno essere prese a prestito risorse per il 55%, e non più il 50%, dello stock di prestiti. Saranno inoltre realizzate nel 2021 altre quattro aste di liquidità pandemiche Peltro» [Sorrentino, Sole].

A settembre 27 mila insegnanti in meno

«In vista non c’è una fuga dalla scuola per l’effetto combinato della paura del Covid-19 e dell’opportunità derivante da Quota 100, ma piuttosto un sostenuto turn-over che, complice l’ennesimo stop ai concorsi legato al Covid-19, rischia di far partire il nuovo anno scolastico con molte cattedre vuote, soprattutto al Nord. A settembre 2021, secondo i primi dati del ministero dell’Istruzione sulle domande di pensionamento chiuse lo scorso 7 dicembre, usciranno infatti 27.592 docenti (ammesso che tutte le richieste vengano accolte), di cui quasi 16mila con l’anticipo targato Quota 100»
[Eugenio Bruno e Claudio Tucci, Sole].

La Bielorussia chiude i confini

Il governo bielorusso ha imposto dal 20 dicembre il divieto temporaneo di uscire dal paese attraverso i valichi di terra. Rimarrà aperto l’aeroporto di Minsk. La chiusura dei confini è stata giustificata con l’esigenza di contenere la diffusione del Covid-19. Il decreto non specifica quanto a lungo rimarrà in vigore il provvedimento. Da quattro mesi la Bielorussia è teatro di proteste di massa contro il presidente Aleksandr Lukashenko, rieletto ad agosto tra accuse di brogli e manipolazioni. I manifestanti sono stati oggetto di una violenta repressione da parte delle forze di sicurezza. La leader dell’opposizione in esilio in Lituania, Svetlana Tikhanovskaya, ha commentato la chiusura dei confini accusando il regime di «fare di tutto per trasformare la Bielorussa in un moderno gulag».






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.