Ilva, la Procura chiede ad ArcelorMittal di chiudere l’altoforno numero 2

La Procura di Taranto ha chiesto all’ArcelorMittal lo spegnimento dell’altoforno numero 2, la più ampia parte produttiva dell’Ilva. Secondo i pm l’azienda non avrebbe rispettato tutti gli impegni presi per rendere più sicuro il luogo di lavoro, dove nel giugno del 2015 morì l’operaio Alessandro Morricella.

ILVA Taranto
ILVA Taranto

Scrive nell’ordinanza il pm Antonella De Luca: «Alcune delle prescrizioni a suo tempo imposte risultano attuate o non attuate soltanto in parte». Prescrizioni grazie alle quali a suo tempo l’altoforno venne dissequestrato. Ora sembra che ArcelorMittal voglia chiedere la sospensione dell’atto da parte del gup in modo da avere il tempo per presentare un piano relativo all’altoforno.

Sulla vicenda dice Marco Bentivogli, segretario della Fim Cisl: «Il ministro Di Maio ci ha rassicurato dicendo che tenterà di intervenire sulla Procura per fermare lo spegnimento». Proprio in previsione di iniziative come questo, ArcelorMittal aveva chiesto al governo l’immunità penale per i reati ambientali, che non è stata concessa. L’azienda ha 1.400 operai in cassa integrazione (Agi).

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Giorgio Dell'Arti
Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: