giovedì 13 Giugno 2024
Anteprima NewsLa Bce lascia invariati i tassi e pensa di nuovo al Qe

La Bce lascia invariati i tassi e pensa di nuovo al Qe

Autore del contenuto

La Banca centrale europea ha rinviato l’aumento dei tassi di interesse di almeno sei mesi. L’economia è troppo debole e serve una politica espansiva. Il presidente Mario Draghi ha fatto sapere che la Bce «è pronta ad adeguare tutti i suoi strumenti, ove opportuno, per assicurare che l’inflazione continui ad avvicinarsi stabilmente al livello da noi perseguito (il 2% – ndr). In Consiglio si è discusso di nuovi tagli dei tassi e di ripresa del Qe», il massiccio programma di acquisto titoli lanciato dalla Bce dopo la crisi e terminato lo scorso anno.

A pesare sulla situazione le «persistenti incertezze connesse a fattori geopolitici, alla minaccia del protezionismo e alle vulnerabilità nei mercati emergenti». Le proiezioni degli esperti parlano di una crescita annua del Pil dell’1,2 per cento nel 2019, dell’1,4 per cento nel 2020 e dell’1,4 per cento nel 2021, stime riviste al rialzo dello 0,1 per cento per il 2019 e al ribasso per rispettivamente di 2 e 1 decimo per il 2020 e il 2021. La Bce ha annunciato ance il lancio di un nuovo maxi-prestito alle banche, il Tltro-III.

La Bce lascia invariati i tassi e pensa di nuovo al Qe
La Bce lascia invariati i tassi e pensa di nuovo al Qe (pixabay.com)

Si legge in una nota: «Gli istituti di credito che concederanno prestiti netti superiori a un valore di riferimento beneficeranno di un tasso d’interesse ribassato fino a raggiungere un livello pari al tasso medio applicato ai depositi presso la banca centrale per la durata dell’operazione, con l’aggiunto di 10 punti base». Attualmente il tasso sui depositi è -0,40 per cento, quindi si potrà arrivare fino a -0,30 per cento.
«I minibot? O sono soldi, quindi una cosa illegale, o sono altro debito e quindi lo stock sale» (così Draghi a proposito dell’ipotesi di emettere minibot per rimborsare i debiti della pubblica amministrazione verso le imprese, approvata all’unanimità in una mozione alla Camera in Italia).

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.