Distesa al sole osservo il mondo e ho deciso che il mondo si divide in due:
Le persone felici e gli altri.

Non te ne accorgi mica, voglio dire le persone felici non lo danno a vedere, la felicità non è una risata sguaiata, un’andatura saltellante, non è cantare a squarciagola, è esattamente tutte queste cose insieme.
Come tutti i colori formano il bianco e il bianco non si fa notare, non fa chiasso, come la neve, cosi è la felicità, un insieme di sorrisi, di saltelli e di canti a squarciagola che non fanno rumore ma esplodono negli occhi, esatto, solo gli occhi rivelano le persone felici.
Ed io lì ho visti…

“Arrivo in spiaggia relativamente presto, affitto un ombrellone così non dovrò sfiancarmi nel piantarlo da me con il rischio, anzi la certezza, che voli via insieme alla mia autostima.
Mentre sono lì che sistemo il mio telo, arriva una coppia sulla settantina, forse più vicina agli ottanta, lui ha l’ombrellone sotto un braccio e con l’altro tiene la borsa di sua moglie colma di teli, creme e chissà cos’altro e una piccola sedia pieghevole, lei cammina sulla sabbia a fatica… lui le apre la sedia e la posiziona vista mare, a pochi metri dal bagnasciuga perché lei possa godere di una vista privilegiata. La aiuta a sedersi, prende la parte dell’ombrellone da piantare e inizia a roteare e a spingere con quelle mani che tremano come il cuore di lei mentre lo guarda.
Finisce di posizionare la parte superiore e soddisfatto guarda compiaciuto la moglie che sa, che se quell’ombrellone non cadrà, sarà solo per tutto l’amore che lo tiene in piedi.

Ed io ho visto i loro occhi ed in quel silenzio rotto solo dalle onde del mare ho sentito cantare, ho visto saltellare e ho visto i sorrisi più belli.

Chissà cosa nascondono i miei occhi, chissà cosa ci vedranno gli altri.
Non so se si vedranno i sorrisi e le delusioni, gli amori, i pianti, le canzoni cantate a squarciagola e le poesie sussurrate, la paura e la forza, le risate e le lacrime.
Non so se si vedrà la donna che volevo essere da bambina o la bambina ormai diventata donna.

Io non lo so quello che vedono gli altri, quello che so è che tutto quello che i miei occhi hanno vissuto e visto mi ha portato esattamente qui, a guardare il mare e, davanti al mare, credere che la felicità è una cosa semplice ❤


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Mariagrazia Censi
Sono Mariagrazia, ho 46 anni sono nata nel mese più bello dell'anno (E qui lascio decidere voi, perché tanto ognuno avrà il suo) ho due figlie, Allegra ed Emma, due bassotti, Romeo e Ugo e un ex marito. Credo di essere una persona come tante, vorrei una casa al mare, una in montagna, viaggiare almeno una volta al mese, mangiare senza ingrassare ed essere felice, spudoratamente felice. Ma, come la maggior parte di voi, ho una casa sola, faccio qualche viaggetto ogni tanto, quando mangio ingrasso e sono solo felice, per lo "spudoratamente" ci sto lavorando. Ps da oggi scriverò su questo magnifico giornale nella rubrica che mi è stata affidata, ora, secondo me, o sono stanchi e vogliono chiudere di già questa testata giornalistica oppure, forse, ciò che scriverò potrà strapparvi un sorriso o una riflessione, per me è già un successo. Ah dimenticavo il nome della rubrica è "Che poi, detto tra noi..."

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: