14.8 C
Roma
sabato 27 Novembre 2021
Anteprima News La madre gli toglie il computer, 19enne si getta dalla finestra

La madre gli toglie il computer, 19enne si getta dalla finestra

Autore del contenuto

[GTranslate]

La madre gli ha tolto la tastiera del computer dalle mani e lui, 19 anni, si è lanciato dalla finestra. Un volo di oltre 15 metri dal quinto piano di un palazzo, in via Fratelli Garrone, nel quartiere di Mirafiori di Torino. È successo intorno alle 15 di sabato: Ruben (il nome è di fantasia) ora è ricoverato in gravi condizioni, la prognosi è riservata. Il diciannovenne, secondo i primi riscontri, passava tutto il suo tempo davanti al computer, un atteggiamento che potrebbe essere tipico degli hikikomori come vengono chiamati gli adolescenti che si isolano dal mondo esterno per rifugiarsi in una vita virtuale. Un isolamento che è stata la causa di numerosi litigi con la madre, con cui viveva nell’alloggio popolare dopo che il padre è andato via e la sorella si è costruita una vita con il compagno.

La madre gli toglie il computer, 19enne si getta dalla finestra
La madre gli toglie il computer, 19enne si getta dalla finestra (pixabay.com)

Fino a sabato quando c’è stata l’ultima lite furiosa: la madre voleva spingerlo a uscire di casa tanto da afferrare la tastiera del pc e strappargliela dalle mani.
«Non esiste un Hikikomori, ma esistono milioni di Hikikomori ognuno diverso dall’altro. Ragazzi che ad un certo punto decidono di ritirarsi, di chiudersi in camera e non uscirne più. Nemmeno per andare a scuola. Per mesi e anche anni. Soltanto a Torino si contano circa cinque nuovi casi al mese e si stima che siano almeno centomila in Italia. Hikikomori è una parola creata apposta in Giappone, dove si contano oltre un milione di casi, per dire “stare in disparte”. Il fenomeno dei ragazzi “in ritiro sociale volontario” è esploso negli anni ’80, ma si sta espandendo in tutto il mondo»

[Sandrucci, CdS].

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.