15.8 C
Roma
giovedì 26 Novembre 2020

Anteprima News La rivolta delle regioni

La rivolta delle regioni

Autore del contenuto

Ascolta il podcast

Da mezzanotte è entrato in vigore il Dpcm che divide l’Italia in tre aree: rossa (Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta), arancione (Puglia e Sicilia), gialla (tutte le altre regioni).

Dopo le proteste del presidente della Lombardia Fontana, ieri si sono uniti molti altri governatori. Il presidente facente funzioni della Calabria Nino Spirlì ha annunciato che impugnerà l’ordinanza del ministro della Salute: «Questa regione non merita un isolamento che rischia di esserle fatale».

Il presidente del Piemonte Alberto Cirio lamenta il fatto che il governo abbia preso decisioni «su dati vecchi di almeno dieci giorni» e non sia stato considerato «che il nostro Rt è passato da 2,16 a 1,91 grazie alle misure di contenimento adottate».

Molto critico anche Vincenzo De Luca, presidente della Campania, inserita nell’area gialla: «Rimango convinto della necessità di misure nazionali unitarie, anche più rigorose, per una azione più efficace di contrasto al Covid. Ho detto, e ripeto, che dobbiamo considerarci la realtà più esposta, e che dobbiamo adottare prima di altri, e con più rigore, le misure necessarie. Invito i sindaci a predisporre da subito la chiusura dei lungomare e di parte dei centri storici nei fine settimana».

Alle proteste dei governatori il ministro della Salute Roberto Speranza ha risposto con toni duri: «Le Regioni alimentano i dati con cui la cabina di regia effettua il monitoraggio dal mese di maggio, nella cabina di regia ci sono tre rappresentanti indicati dalle Regioni. È surreale che anziché assumersi la loro parte di responsabilità ci sia chi faccia finta di ignorare la gravità dei dati che riguardano i propri territori».

In prima pagina

• Biden è a un passo dalla vittoria ma lo spoglio procede lentamente. Trump ha chiesto lo stop alla conta dei voti postali
• In Italia ieri 34.505 nuovi casi con 219.884 tamponi. Il tasso di positività rimane stabile, al 15,7%. Oltre 1.200 ricoverati in più, 100 in terapia intensiva. I morti sono stati 445, è stata superata la soglia delle 40 mila vittime dall’inizio dell’epidemia
• C’è un nuovo focolaio Trivulzio: 64 dipendenti positivi, sette pazienti contagiati
• Da domani la Grecia entra in lockdown. In Francia 58 mila nuovi contagi. In Germania si abbassa il fattore di riproduzione. La Cina sospende l’ingresso per gli italiani anche per motivi di lavoro o familiari
• La Danimarca ucciderà milioni di visoni per il timore che una mutazione del coronavirus presente negli animali renda meno efficaci i futuri vaccini
• Conti in profondo rosso per Lufthansa che ha perso due miliardi di euro nel terzo trimestre. Alitalia perderà un miliardo alla fine del 2020

Clamoroso

Trump ha raddoppiato i voti, rispetto al 2016, nella comunità Lgbt [Soncini, Linkiesta].






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.