Livorno, per il turismo Nogarin punta sul nudismo

Filippo Nogarin (M5s), prima di togliersi la fascia da sindaco di Livorno per correre alle europee, ha firmato uno dei suoi ultimi provvedimenti e destinato due spiagge ai nudisti e un’area balneare ai gay: «Da alcuni decenni queste spiagge sono frequentate da livornesi e da turisti che amano prendere il sole nudi». Le spiagge in questione saranno accessibili a tutti, ma delimitate da appositi cartelli «per informare che all’interno di quella delimitazione è possibile prendere il sole nudi, e avranno anche la funzione di evitare situazioni imbarazzanti dovute alla presenza di persone che non gradiscono il naturismo, assicurando il pieno rispetto di tutte le sensibilità». Sul tratto del litorale chiamato Sassoscritto, una bandiera arcobaleno segnalerà la zona “Lgbtq friendly”. Spiega l’assessore al Turismo Francesco Belais: «Ho ricevuto una delegazione dell’Associazione naturista italiana che mi ha rappresentato gli importanti numeri del naturismo sul fronte turistico. Più di 20 milioni di praticanti, che l’Italia è in grado di accogliere solo parzialmente, potendo contare su poche strutture e su pochissime spiagge autorizzate» [ItOg].

Nogarin

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Giorgio Dell'Arti
Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: