10.6 C
Roma
domenica 7 Marzo 2021

Anteprima News «L’Ue complice per la morte di 14.500 migranti». Lo dice una denuncia...

«L’Ue complice per la morte di 14.500 migranti». Lo dice una denuncia presentata a L’Aja

Autore del contenuto

L’Ue è stata denunciata per «crimini contro l’umanità» per le politiche migratorie nel Mediterraneo centrale. Funzionari e politici avrebbero creato «consapevolmente la via di migrazione più letale del mondo», con la conseguenza che, tra il 2014 e il 2017, oltre 14.500 persone sono morte. Il documento di 254 pagine, presentato a L’Aja, è stato firmato da Juan Branco, che ha lavorato in passato alla corte penale internazionale, e Omer Shatz, un avvocato israeliano che insegna all’università Sciences Po di Parigi, assieme a un gruppo di avvocati internazionali.

Nella denuncia si fanno i nomi di Matteo Salvini, di Emmanuel Macron e della cancelliera tedesca Angela Merkel ma anche di Matteo Renzi, Paolo Gentiloni e Marco Minniti. In particolare si legge nel testo che «esternalizzando le pratiche di respingimento dei migranti in fuga dalla Libia, pur conoscendo le conseguenze letali di queste deportazioni diffuse e sistematiche (40mila respingimenti in 3 anni), gli agenti italiani e dell’Ue si sono resi complici di atroci crimini commessi nei campi di detenzione in Libia».

«L’Ue complice per la morte di 14.500 migranti». Lo dice una denuncia presentata a L’Aja
«L’Ue complice per la morte di 14.500 migranti». Lo dice una denuncia presentata a L’Aja (pixabay.com)

Secondo gli avvocati abbandonare Mare Nostrum avrebbe portato a un «più alto numero di vittime». Marta Serafini: «I legali non individuano nel loro documento responsabilità specifiche di singoli politici o funzionari ma citano messaggi diplomatici e commenti di leader nazionali, tra cui Angela Merkel e Emmanuel Macron». L’Ue avrebbe poi collaborato con la guardia costiera libica, per renderla un attore chiave nell’intercettazione e nel respingimento illegale dei migranti. Una decisione che avrebbe permesso agli Stati membri di aggirare il diritto marittimo e internazionale. Ora l’Aja dovrà prima decidere se acquisire la denuncia e poi se avviare un’inchiesta [Cds].

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.