L’Università di Harvard ha preso un’importante iniziativa di divulgazione social. Su una pagina di Facebook saranno pubblicate notizie, curiosità e registrazioni-video divulgative relative al Cosmo e soprattutto al fenomeno dei buchi neri. In altre parole, l’astro-fisica sarà alla portata di tutti e non solo di scienziati e filosofi.

La notizia non è di quelle che possono piacere ai religiosi e ai fautori del pensiero metafisico (come Platone e i suoi post, fino all’idealismo filosofico tedesco). I teorizzatori di un mondo diverso da quello reale e sperimentabile, i sognatori della beatitudine eterna o delle Idee che tutto spiegano, temono (e non a torto) che la “novità” promessa dalla celebre Università americana possa alimentare nelle tante persone, raggiunte dal Web, dubbi e perplessità su Verità che si ritengono “rivelate” addirittura dal “Dio dell’Universo” o elaborate, dopo molti approfondimenti intellettivi, da indiscussi “Maestri del pensiero”. Ciò detto, le notizie che la gente riceverà per effetto dell’iniziativa, pur con le connotazioni di potente spinta alla riflessione, non sembrano destinate a suscitare particolari allarmi e preoccupazioni di sopravvivenza nell’uomo di oggi.

Le previsioni dell’astro-fisica più inquietanti sono a lunghissima distanza temporale. Sapere, infatti, che tra circa quattro miliardi di anni la nostra galassia e quella di Andromeda si scontreranno e che la Terra potrà essere, a causa di ciò, proiettata verso un buco nero e scomparire, oggi non impressiona neppure gli aspiranti centenari. Gli anni che ci separano dalla pur prevedibile apocalisse sono veramente tanti!

Diverso è il caso della notizia apparsa su “Il Messaggero” odierno. In un conciso trafiletto intitolato “Misteriose raffiche da un corpo celeste” l’articolista sostiene che scosse ripetitive, rapide, brevi ma intense, poco comuni e certamente diverse da quelle dai terrestri già conosciute e individuate (pulsar) abbiano preso, di recente, a investire il Pianeta. Lo dicono alcuni scienziati in servizio presso il “China Sky Eye” e non v’è ragione di non prestare loro attenzione.

galassie pianeti e corpi celesti
Galassie pianeti e corpi celesti

La notizia potrebbe avere effetti vari ma il primo che viene in mente è quello di poter scuotere, persino, la sicurezza (o sicumera?) della sedicenne svedese, Greta Thunberg e dei suoi follower, circa le colpe di Donald Trump di non dare il (per lei, dovuto) credito agli allarmi sul riscaldamento globale e disertare le costosissime “conferenze” organizzate dagli ambientalisti, con fondi finanziari (sempre) misteriosi. Essa potrebbe anche dare ragione ai critici di Benedetto XVI (e a maggior ragione di Francesco). Un nutrito gruppo di cardinali lo aveva messo in guardia, fin dai tempi dell’Enciclica Caritas in Veritate (2009) circa l’errore di elevare a livello teologico i temi dell’ecologia. Essi sarebbero troppo impregnati di presupposti informativi di natura empirica e sarebbero, soprattutto, divenuti materia di elucubrazioni piuttosto irrazionali e fantasiose per tanti, falsi profeti di sventure. L’avvertimento non era stato ascoltato nè da Ratzinger né sembra essere tenuto in alcuna considerazione da Bergoglio (che ha convocato addirittura un “Sinodo dell’Amazzonia”). Esso è servito, però, a mettere in allarme molti scienziati di fede cattolica, secondo i quali “nessuna ricerca scientifica seria (e, aggiungo io, di accertata natura “non politica” né “propagandistica”) ha mai stabilito una relazione certa e documentata tra le attività dell’uomo e il riscaldamento terrestre”, precisando che “dire che l’uomo è responsabile dei cambiamenti climatici è scientificamente infondato”.

Nell’intervista predetta, rilasciata da Franco Prodi, il fisico, climatologo e accademico italiano all’Uffington Post, dice: “Con Greta siamo difronte a un abbaglio mondiale”.
La domanda è: spontaneo o provocato? E in questo secondo caso: determinato da mera stupidità o da calcolo interessato? In altre parole, la giovanetta svedese con le treccine alla Pippi-calzelunghe è una sprovveduta o una pedina manipolata? Nella prima ipotesi, la ragazza potrebbe anche apprendere sui social tutto ciò che non ha avuto il tempo, a cagione dell’età, di imparare a scuola e sapere che tutta la storia del nostro pianeta è stata caratterizzata e influenzata dai cambiamenti climatici susseguitisi nel tempo. Di un sussulto termico di particolare intensità dovettero fare le spese i giganteschi, colossali dinosauri, in un tempo in cui quelle enormi bestie avevano, verosimilmente, impedito, con la loro solo presenza, a esseri viventi di minore stazza, come gli esseri umani, non solo di creare ciminiere e fabbriche, ma di sopravvivere fisicamente. In altre parole, in quei lontani tempi, verosimilmente, non v’era neppure traccia di un uomo perturbatore degli equilibri cosmici con spifferi e fumi.

E’ molto difficile, comunque, che la testarda Greta capisca un’altra verità per lei molto più difficile da accettare. E cioè che “a distruggere i suoi sogni” non saranno i produttori dei cellulari che lei, verosimilmente, usa attimo dopo attimo, dei televisori ai cui spettacoli assiste (compresi quelli delle sue “marce”), delle auto e degli aerei con cui scorrazza per il mondo intero e dei proprietari e titolari degli opifici che le consentono di alimentarsi, trasformando i prodotti della terra e così via, ma piuttosto proprio quei “banchieri” che s’inducono a finanziare i movimenti ecologisti (compreso forse il suo), perché a loro piace soltanto il capitalismo monetario (quello che produce denaro con il denaro) e non quello industriale e produttivo. Quest’ultimo hanno tutto l’interesse a mantenerlo in condizione di precarietà per continuare a concedergli prestiti, molto lucrosi (per loro ovviamente). E i banchieri distruggeranno i suoi sogni anche perché impediranno alla sua Svezia, come a tutti i Paesi Europei, di migliorare, come progrediscono Cina, India, Russia e via dicendo e ostacoleranno l’aumento della produzione industriale, arrestandola a crescite prossime allo zero. Inoltre: non fermeranno quell’immigrazione selvaggia di lavoratori a basso costo che ha già “svisato” l’immagine del suo meraviglioso Paese, creando delle “sacche urbane” dove persino la pur organizzata (e un tempo, molto temuta) polizia nazionale non osa, oggi, neppure penetrare.

La volenterosa Greta, studiando un po’ la storia recente dell’Occidente, di cui fa parte, dovrebbe apprendere che in un primo momento, i Paperoni di Wall Streete della City erano riusciti a “sedurre” (usiamo tale eufemismo) anche i governanti degli Stati Uniti d’America e del Regno Unito di Gran Bretagna, che soltanto dopo la rivolta della Brexit e dopo l’elezione di Donald Trump sono riusciti a liberarsi dal giogo costrittivo dei papaveri della Finanza. Quei super-ricchi, infatti, allo stato, si devono accontentare di utilizzare per il loro business, solo i Paesi membri dell’Unione Europea, ai cui vertici tecnocratici e (cosiddetti) “politici” sono posti solo amici delle centrali finanziarie di New York e di Londra. Naturalmente, nè sul fronte anglosassone nè su quello eurocontinentale la guerra può ritenersi finita. L’obiettivo dei banchieri è diverso nell’uno e nell’altro fronte. Nel primo, è annientare Trump e Jonhson per riprendere le leve dei governi (statunitense e britannico) e riaffermare il capitalismo monetario. L’ostacolo in America del Nord è dato dai successi della politica del Presidente in campo economico mentre in Gran Bretagna la situazione è, per il momento, ancora fluida (anche se ben controllata da Jonhson). Nel secondo, è sopprimere sul nascere ogni tentativo di ridiscutere le regole dell’Unione Europea asfittiche e afflittive: quelle che impediscono investimenti e quindi ripresa a tutto campo dell’attività industriale piena (pareggio di bilancio, divieto di sforamento), accusando di sovranismo ogni conato in tale direzione.

L’Italia ha fornito un esempio (dimostrativo?) della brutalità che può contraddistinguere la lotta. Usque tandem….tale situazione durerà è difficile prevedere.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Luigi Mazzella
- Vice Presidente emerito della Corte Costituzionale - Ex Ministro per la Funzione Pubblica - Avvocato Generale dello Stato emerito - Scrittore e giornalista ATTIVITA’ SVOLTE: 1 – Direzione di pubbliche istituzioni nazionali e regionali svolta in modo autonomo: a) Commissario Straordinario alla Gestione Autonoma dei Concerti dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia dal 1974 al 1978 (nominato dal Ministro dello Spettacolo On. Adolfo SARTI). b) Commissario Governativo dell’Accademia Nazionale d’Arte drammatica “Silvio d’Amico” dal 1979 al 1986 (nominato dal Ministro della Pubblica Istruzione Sen. Giovanni SPADOLINI). c) Commissario Straordinario dell’IDISU (poi ADISU) Università di Tor Vergata di Roma, dal 1993 al 1997, nominato dalla Regione Lazio. d) Vice Presidente del Consiglio di Amministrazione della Banca Nazionale del Lavoro – Sezione Autonoma di Credito Cinematografico (SACC) dal 1984 al 1990. e) Vice Presidente del Consiglio Direttivo dell’Accademia Filarmonica Romana, plurisecolare istituzione musicale di rilevanza nazionale. f) Membro del Consiglio Direttivo dell’Ente Autonomo “La Biennale di Venezia” per due mandati consecutivi. 2 – Incarichi direttivi in Gabinetti Ministeriali: a) Vice Presidenza del Consiglio dei Ministri dal 1970 al 1973 (Vice Capo di Gabinetto). b) Ministero dei lavori pubblici dal 1973 al 1975 (Capo dell’Ufficio Legislativo). c) Ministero della difesa dal 1979 al 1983 (Consigliere Giuridico del Ministro). d) Ministero per il turismo e lo spettacolo dal 1983 al 1985 (Capo di Gabinetto). e) Ministero dell’ambiente dal 1986 al 1987 (Capo di Gabinetto) f) Ministero delle aree urbane dal 1987 al 1993 (Capo di Gabinetto). 3 – Attività svolte in organismi internazionali e altri organismi interni: a) Membro del Comitato per i Pubblici Appalti della allora CEE a Bruxelles dal 1973 al 1975. b) Membro del Comitato Giuridico dell’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile (ICAO-OACI) a Montreal dal 1983 al 1985. c) Membro del Comitato per gli Affari Urbani dell’OCSE a Parigi dal 1987 al 1993. d) Membro della delegazione della Cassa per il Mezzogiorno dal 1973 al 1975. e) Membro del Consiglio Superiore delle Forze Armate dal 1981 al 2002. f) Membro del Consiglio di Amministrazione dei Monopoli di Stato. g) Giudice della Commissione Tributaria Centrale dal 1992 al 2002. 4 – Attività ulteriori: a) Presidente o Membro di Commissioni di studio istituite dalla Pubblica Amministrazione (Commissione Giannini per il riordino delle forze armate, Commissione per la rilocalizzazione dei Ministeri in Roma Capitale ed altre). b) Presidente o Membro di commissioni di esame (Avvocatura dello Stato, INPS ed altre). c) Autore di saggi ed articoli su riviste giuridiche (Rassegna dell’Avvocatura dello Stato e numerose altre) e su riviste di studi politici e di cultura (“Specchio Economico”, “Politica e Mezzogiorno” “Minerva” ed altre). d) E’ iscritto all’albo dei giornalisti pubblicisti (Ordine interregionale del Lazio e del Molise) dal 1992. 5 – Onorificenze: a) Cavaliere di Gran Croce – Ordine al Merito della Repubblica Italiana – data di conferimento 28 gennaio 2002 b) Cavaliere di Gran Croce al Merito dell’Ordine Sovrano Militare di Malta c) Accademico dell’Accademia Filarmonica Romana. d) Salernitano illustre – Camera di Commercio di Salerno e) Cittadino Onorario di Eboli - Amministrazione Comunale f) Insignito del Premio Capalbio “per lo stile nel Governo” 6 – Autore di libri: A) SAGGI SOCIO-POLITICI 1. "Cinquanta proposte di buon governo” - Marsilio Editore - 1992; 2. “L’irresistibile vento dell’ovest” - Menzione speciale al Premio Internazionale di saggistica “Salvatore Valitutti”; Minerva Editrice - 2001; 3. “Recondite armonie di riforme diverse” - Premio Presidente Provincia Salerno al premio internazionale di saggistica “Salvatore Valitutti” - Maggioli Editore - 2004; 4. “Le utopie possibili. Bel Paese e Buon Governo” - Premio alla carriera al Premio internazionale di saggistica “Salvatore Valitutti” 2005 - Maggioli Editore - 2005; 5. “Le probabilità ragionevoli” - 2006; 6. “La passione della ragione” - Avagliano Editore - 2008; 7. “Dall’impegno al distacco” - Avagliano Editore - 2007; 8. “Casta Italia” - Avagliano Editore - 2009; 9. “Nessun dorma” - Avagliano Editore - 2010; 10. “Le luci spente dell’illuminismo” - Avagliano Editore - 2010; 11. “La forza e la frode” –Avagliano Editore 2012 12. “Il dispotismo indulgente” – Avagliano Editore - 2013 13. “EUROCRASH – Cinquanta ipotesi d’incerto futuro” – Curcio Editore 2014 14. “Debole di costituzione” – Editore Mondadori 2014 15. “Europa mia, benché il parlar sia indarno” Avagliano Editore, 2017 16. " Il decennio nero degli Italiani – Dal Porcellum al Rosatellum – Avagliano 2018 17. "Elogio del pensiero libero – Genesi Editrice 2019 B) SAGGI CINEMATOGRAFICI 18. “Il bello nel cinema” - Saggi di estetica cinematografica - Seam Editrice - 2000; 19. “Il Leone e gli Oscar” - Saggi di estetica cinematografica - Eagle Pictures editrice - 2001; 20, “Fermo immagine” - Saggi di estetica cinematografica- Premio al Festival Cinematografico di Salerno - Minerva editrice - 2001; 21. “Il cinema tra irrisione e riflessione” – critiche cinematografiche -Avagliano Editore, 2011. 22. “Voce fuori campo” – critiche cinematografiche – Avagliano Editore 2014. 23. “L’Orso e la Palma” – Istituto culturale del Mezzogiorno. 217 24. “50 film da rivedere” – Istituto Culturale del Mezzogiorno - 2018 25. "Federico Fellini- realista e visionario – Ist.Cult.Mezzogiorno 2019 C) NARRATIVA E POESIA 26. “Un gioco malandrino di finestre e balconi” - Romanzo - Premio Speciale Grinzane Cavour Cesare Pavese - Avagliano Editore - 2006; 27. “Il Chiodo nella sabbia” - Romanzo – Menzione speciale al Premio Roma - Avagliano Editore - 2008; 28. “La baia del dubbio” - Romanzo – Premio per la narrativa del Centro di psicologia Salvatore Valitutti di Salerno - Avagliano Editore - 2009; 29. “La verità dietro l’angolo – Romanzo – Premio speciale Capri 2011 - Avagliano Editore - 2011 30. “I pazzi e le smorfie” – Versi e Aforismi – 3 Edizione - Genesi Editrice 2011 31. “La Grimpeuse – Confessioni di una rampante” – Genesi editrice - 2013 32. “Grigio senza sfumature” – Romanzo – Avagliano Editore 2014 33. “ In fuga dall’intimità” – Romanzo – Avagliano Editore 2015. 34. “Canzoniere satirico” – Versi e Aforismi – Genesi Editrice 2015. 35. “Vissi d’arte” – Romanzo – Avagliano Editore 2018 36. “Fake-off” – Romanzo – Avagliano Editore 2919 37. “Tutti promossi a fine-anno” 38. “L’albero dell’ignoranza” Romanzo (in prep.)

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: