domenica 16 Giugno 2024
NetworkNell'attesa che la scuola abolisca i voti... una forma nuova di interrogazione!

Nell’attesa che la scuola abolisca i voti… una forma nuova di interrogazione!

Autore del contenuto

Nell’attesa che la scuola abolisca i voti e tenga il feedback, quello vero: condiviso, negoziato, discusso etc) ho sperimentato una forma nuova (per me) di “interrogazione“.

Premessa: classe nuova, quarto anno di liceo scientifico. Non propriamente innamorati del latino e neanche conoscitori dei rudimenti della lingua (la Dad, i prof che cambiano, la materia un poco ostica…).

Però spiego Cicerone, leggiamo e commentiamo Catilina (“quousque tandem, Catilina!”) parliamo di cento cose, fra cui: violenza e politica, omicidi politici, oppositori, Congresso del partito in Cina, finiamo col vedere il video dell’oppositore di Xi che viene allontanato.

Ci accordiamo: per la verifica, sceglieranno un pezzo di Cicerone a loro scelta, da commentare. Parte in italiano e parte in latino. Si scelgano loro una traduzione già esistente e “allineino” i due testi. Consiglio il tool Ugarit Aligner

Giunge il momento della verifica.
Ragazzi super eccitati.
Mi vogliono raccontare come si sono preparati (difficoltà, tempi, soluzioni, con chi hanno studiato).

E sia!!

Quindi l’interrogazione parte con la domanda: “Come ti sei preparata/o? Hai usato qualche tool? Dove hai reperito il testo latino? Etc..”.

Questo racconto del dietro le quinte per me è di straordinario interesse.
Devo rifare la griglia di valutazione e inserire tutte queste cose.
Devo partire da una base di valutazione diversa perché la “performance” non esprime tutto il lavoro fatto.

Detto fra noi, il passaggio da valutare conoscenze a valutare competenze si può fare anche così, senza clamore e senza spremersi il cervello in chissà che progettazioni.

La parola magica è: “scegliete”; l’altra parola magica è: “per quando pensate di essere pronti”?

Il clima cambia. E i ragazzi in genere rispondono.
Metto i voti, dopo colloquio individuale informale, con fare appositamente riluttante per mostrare come non siano la questione centrale.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.