9.4 C
Roma
lunedì 29 Novembre 2021
In evidenza No a tutto

No a tutto

Autore del contenuto

[GTranslate]

Ci interroghiamo attoniti di fronte ad un fenomeno che appare inedito. Ma non è così.
La novità è che all’autolesionismo economico e culturale si è aggiunto incredibilmente anche quello sanitario.
Tutto dipende da un avverbio brevissimo. Si tratta di “no”.

È il segreto della modernità. Basta anteporre la negazione come prefisso di qualunque determinazione per essere sicuri di avere ragione.
Oggi sei noVax, noPass, noTax ma in precedenza sei stato noTav, no inceneritore, no discarica, no isola pedonale. E in futuro chissà a quante cose sarai contrario.

È un atteggiamento di grande convenienza e comodità. Mentre uno che assente deve avere almeno una vaga idea di quanto sta accettando, uno che rifiuta va sul sicuro e non avrà nemmeno sensi di colpa o pentimenti perché non prova nemmeno a capire quali siano le alternative in gioco.

Questo geniale approccio al mondo lo hanno inventato i 5Stelle in epoca pre Conte (anche se in seguito è stato scippato loro da Salvini e Meloni).
Era la loro risposta alle grandi fregature del “sistema”.  Non bisognava accettare nulla di quanto venisse proposto dal “potere”.

Ogni iniziativa era uno sfregio all’ambiente, ogni azienda sia industriale che agricola un mostro inquinante. Ogni interesse era illecito, ogni business malavitoso.
In fondo che l’Italia fosse un paese in stagnazione, da 20 anni immobile, a crescita zero era già un buon punto di partenza per la “felice” decrescita.

I no vax sono una evoluzione della specie, con mille sfumature interne.
La più interessante è la sottospecie dei no greenpass vaccinati: “sì, è vero, ho fatto il vaccino ma non sopporto di doverlo ammettere, mostrandolo”.

La confusione regna sovrana: la manifestazione no vax finisce con la distruzione della sede della Cgil, quella Cgil che aveva stupito molti dei suoi sostenitori opponendosi al greenpass per la mensa aziendale, creando così un’inedita diffidenza e imbarazzo a sinistra.

Tutti -anche per motivi opposti- si appellano alla “libertà”: la libertà di non vaccinarsi contro la libertà di non essere infettati dai non vaccinati.
Molti rivendicano una libertà individuale contro la “massificazione” dei trattamenti sanitari anti pandemia, salvo essere poi protetti dall’effetto “gregge” che sta salvando tutti, soprattutto i non vaccinati.

E poi ci sono gli intellettuali che erano abituati ad avere l’esclusiva sull’analisi dei mali del Paese -catastrofisti con licenza di indignazione- che di fronte alla catastrofe vera non si raccapezzano più e gridano al golpe efficientista e tecnocratico di Draghi.
Cominciano a temere che sia davvero cambiato tutto, che si debba ricominciare a studiare sul serio e che sia finita la loro rendita di posizione.

La verità è che molti Italiani -per colpa della scuola, dei genitori, del fato- non sono mai entrati nella età adulta e alla domanda: “ma perché?” sanno solo rispondere (come ogni bambino) “perché no!”.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.