5.9 C
Roma
lunedì 29 Novembre 2021
In evidenza Olimpiadi 2024: M5S e Raggi dissero NO! E non se ne vergognano...

Olimpiadi 2024: M5S e Raggi dissero NO! E non se ne vergognano…

Autore del contenuto

[GTranslate]

Le meraviglie del mondo sono quasi sempre dovute alla natura.
Tra le poche che traggono spunto unicamente dalla fantasia dell’uomo ci sono le Olimpiadi.

I nostri progenitori, non ancora sazi delle fatiche per sopravvivere, si sono in ogni epoca inventati esercizi -a volte strampalati- per mettersi alla prova e sfidare gli altri.
È un godimento che dura settimane e che affianca – in omaggio alla arcaica Grecia ispiratrice- discipline sempiterne (maratona, tiro con l’arco, giavellotto) a nuove pratiche che prendono spunto dai più recenti modi di divertirsi dei giovani (windsurf, skateboard).

Quasi mai i giochi olimpici sono filati via regolarmente tra reciproci boicottaggi
USA/URSS e stragi di terroristi.
Ma come quest’anno mai: palazzetti e stadi vuoti, mascherine, isolamento degli atleti.
Eppure, nonostante questo clima, ho avuto l’impressione che i Giochi abbiano rappresentato per i popoli del pianeta la “riapertura” ufficiale.
Come se ci avessero comunicato una “ragionevole” sicurezza nell’arrivo della normalità.

Ci volevano donne e uomini per nulla normali, straordinari mostri di tecnica e potenza per farci dimenticare le ansie che ci accompagnano da un’anno e mezzo.
Ho persino notato -forse mi faccio prendere la mano- una rilassatezza gioiosa nella cerimonia di chiusura che è completamente mancata in quella di apertura, imbarazzata e minimalista.

È seguendo proprio le coreografie della festa di chiusura che mi sono chiesto come sarebbe stato l’umore degli italiani se già elettrizzati dal record di medaglie -che in alcuni casi ci collocano in cima al mondo- avessero assistito alla consegna dei giochi a Roma 2024.

Le immagini promozionali di Parigi sono state perfette in sè e anche nel farci intristire.
Io -che ho delle deformazioni- ho subito pensato a che occasione ha perso il sindaco di Roma Raggi, in piena campagna elettorale, a non essere al posto della sua collega francese.
Lei che caparbiamente ha rifiutato, contro tutto e tutti, l’ospitalità e quindi la candidatura.

Per onestà intellettuale, non è dimostrato che avremmo vinto la sfida con i francesi; tuttavia le istituzioni italiane coinvolte si dichiaravano sicure che ce l’avremmo fatta.
Spesso ragioniamo con il senno di poi. Un’arma vincente perché -conoscendo ormai il finale- ci mette sempre dalla parte della ragione.

Proviamo. Per un verso ci è andata bene perché il Covid (azzerando due anni decisivi nella ristrutturazione di impianti e stadi) ha reso l’organizzazione delle Olimpiadi ancora più ardua, sicuramente più costosa.
Per di più, seppur nascosta, rimane comunque una incertezza sanitaria. Ma -a parer mio- nel ‘24 o siamo tutti morti o siamo guariti.

D’altro verso pensate che volano turistico, economico, ma anche emotivo, avrebbero rappresentato i giochi per il nostro Paese, dopo che il mondo intero si è inchinato prima di fronte al nostro lutto e poi alla nostra reazione.

Il promo di Parigi era bello ma le immagini dei nostri 100 metri, salto in alto e staffetta (e qualche gol degli Europei) sarebbero stati imbattibili.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.