10.4 C
Roma
sabato 6 Marzo 2021

E se domani, e sottolineo il se... Pietre miliari per un nuovo turismo nell'era post-19 di Covid

Pietre miliari per un nuovo turismo nell’era post-19 di Covid

È stimolante sognare due momenti distinti nella storia del turismo: Tourismo B.C. e turismo A.C. (“Prima” e “Dopo Covid”), segnando il 2020 come l’anno della rinascita. Nel primo periodo, il turismo verrebbe descritto fondamentalmente come un’industria predatoria di risorse naturali e culturali, responsabile di un’enorme impronta di carbonio globale, generando squilibri socioeconomici nelle comunità di accoglienza, fortemente basata su lavori intensivi e precari e causando vari tipi di parossismi come la gentrificazione, il cosiddetto “overtourismo” enclave del turismo, ecc. E, come se ciò non bastasse, questo turismo verrebbe classificato, il più delle volte, come un turismo che ha fornito esperienze insoddisfacenti e di basso valore.

Invece, il secondo periodo – Turismo A.C. – sarebbe elogiato per aver soppresso i grandi mali del turismo del periodo precedente, rigenerandolo al suo interno al fine di renderlo un importante fattore di sviluppo umano, migliorando la qualità della vita delle comunità ospitanti, rivitalizzando ed elevando culturalmente l’esperienza per i turisti, stimolando la creatività ed il vero incontro tra culture ed offrendo allo stesso tempo condizioni di dignità ai lavoratori del settore.

Ma, sebbene ben intenzionato, un tale sogno di cambiamento è chiaramente semplicistico e ingenuo, e nessun manichseismo di alcun tipo aiuterà a individuare i modi migliori per cogliere le nuove opportunità che potrebbero emergere in questa nuova fase dello sviluppo della società. Tuttavia, c’è ancora un senso nel distanziare e confrontarsi con gli scenari “buoni” e “cattivi” dello sviluppo turistico. E non importa quanto possa sembrare idealistico, è sempre più importante lottare per modelli migliori del settore turistico al fine di allinearsi con i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile promossi dalle Nazioni Unite. Lo scopo di questo articolo è proprio quello di presentare alcuni parametri di riferimento per la costruzione di un nuovo turismo nell’era post-Covid-19.

La difesa di un turismo agevole simboleggiato dalla formula “Slow, Smart & Small”

Il 1 ° aprile ho sostenuto il cambiamento di paradigma verso un nuovo approccio al turismo sostenibile e ho suggerito di ridefinire la formula “3SS” (anziché “sun, sea, sand”, ho proposto il nuovo modello “Slow, Smart & Small”). Questo approccio si basa sul presupposto di base che l’essenza del turismo risieda nella ricerca di significato (significato della vita, più precisamente). E questa ricerca di significato corrisponde a un impulso intimo che si esprime in una predilezione per esperienze più autentiche e genuine, una socievolezza più rilassata, una preferenza per le attività creative e anche la ricerca di vivere esperienze che favoriscono la spiritualità.

Questa proposta è stata elaborata sulla base di due premesse fondamentali, la cui validità funge da punto di ancoraggio per delineare una serie di idee che voglio presentare in questo articolo. Queste sono le due premesse:

  1. Dal punto di vista della sostenibilità socio-economica e ambientale, confrontando il modello di turismo massificato con un modello di turismo regolare (cioè su piccola scala, meno frenetico e disperso in tutti i territori), è indiscutibile che quest’ultimo possa offrire prodotti e servizi di migliore qualità ai visitatori / turisti che cercano un’esperienza significativa attraverso il consumo di prodotti locali più autentici ed è quindi un tipo di turismo più gratificante sia per le comunità locali che per i turisti. E anche da un punto di vista economico, un turismo agevole e su piccola scala che invita l’immersione lenta e intelligente nei territori e nelle comunità può anche essere considerato una grande impresa, in grado di garantire a lungo termine una maggiore redditività e un livello più elevato di equità distributiva rispetto al modello ancora dominante del turismo di massa.
  2. Tutte le decisioni sullo sviluppo del turismo sostenibile sono in definitiva di natura etica, in quanto si riferiscono alla riduzione degli impatti negativi, all’equa condivisione dei benefici e all’equità intergenerazionale, ad es. la conservazione (e / o valorizzazione) delle risorse naturali e culturali per non ipotecare la qualità della vita delle generazioni future. Ha quindi perfettamente senso parlare di modelli turistici “buoni” e “cattivi”.

Di conseguenza, se ci impegniamo davvero per un turismo sostenibile, il nostro controllo e il nostro senso critico devono concentrarsi principalmente sulle azioni dei decisori pubblici e delle imprese, lasciando da parte il comportamento dei consumatori come irrilevante. In effetti, è irrilevante o addirittura assurdo incolpare i turisti per i problemi strutturali del turismo, creando dicotomie tra turisti “buoni” e “cattivi” (per inciso, riteniamo illegittimo giudicare le scelte legittime dei consumatori, anche se non lo facciamo come loro). Al contrario, gli organismi di gestione delle destinazioni turistiche (DMO), se ne hanno il diritto, sanno che esistono modelli di sviluppo turistico dannosi per l’ambiente e dannosi per lo sviluppo delle comunità locali e che esistono modelli alternativi più vantaggiosi e hanno un impatto meno negativo sia sull’ambiente che sulle comunità indigene. Inoltre, spetta alla DMO decidere quali prodotti turistici dovrebbero promuovere le loro destinazioni e quali tipi di sviluppi turistici possono essere autorizzati. È responsabilità dei DMOs definire le priorità e guidare il processo di pianificazione turistica.

Pertanto, supponendo che le due premesse sopra menzionate siano corrette e che riflettano la realtà del turismo oggi, ha senso andare oltre e delineare alcune proposte o parametri di riferimento, che aiuteranno a consolidare il nuovo modello di turismo soft / smooth , fornendo ai suoi promotori non solo gli argomenti appropriati, ma soprattutto i criteri che consentiranno loro di facilitarne l’attuazione pratica e renderli più tangibili. Io proverò a strutturare le mie proposte sulla base dei seguenti tre parametri:

  1. La responsabilità sociale dei decisori pubblici;
  2. L’infrastruttura a supporto di nuovi modelli di sviluppo turistico;
  3. Il turismo creativo come prototipo del nuovo lento turismo Smart & Small.
turismo creativo laboratorio

La responsabilità sociale dei decisori pubblici e degli esperti accademici

La responsabilità sociale delle imprese (CSR) consiste nell’adozione di pratiche volontarie da parte delle imprese al fine di promuovere il benessere dei loro stakeholder interni ed esterni. Tale concetto emerge dalla nozione di società cittadina, che è disposta a contribuire al bene comune, andando oltre ciò che è formalmente richiesto in termini legali. Le aziende e le organizzazioni che mostrano prestazioni elevate in termini di responsabilità sociale tendono a guadagnare una maggiore reputazione tra le comunità locali e i consumatori, il che a sua volta incrementa la buona volontà del marchio dell’azienda / organizzazione.

Io credo che sia giunto il momento di incoraggiare la comunità scientifica, le ONG e i cittadini più consapevoli ad adottare un senso critico e ad esaminare attentamente le decisioni del DMOs, in base ai criteri della CSR, specialmente nei casi in cui le loro decisioni sono cruciali per il turismo sviluppo. La responsabilità politica e sociale del DMOs è particolarmente rilevante per la pianificazione e la gestione delle destinazioni turistiche, in particolare nei settori del finanziamento di progetti, delle licenze turistiche, della governance del territorio e della promozione delle destinazioni.

Com’è noto, le risorse finanziarie sono sempre scarse. Pertanto, è essenziale definire chiare priorità sul tipo di progetti che dovrebbero essere sostenuti. E la regola dovrebbe essere progetti semplici e trasparenti, creativi e innovativi, in linea con il piano di sviluppo sostenibile, dovrebbero essere fortemente sostenuti; invece, i progetti dannosi o addirittura tossici, dal punto di vista dello sviluppo sostenibile, dovrebbero essere respinti in modo definitivo.

Pertanto, università, organizzazioni internazionali e centri di ricerca dovrebbero unire le forze per proporre una sorta di “classificazione della tossicità” dei prodotti turistici. A mio avviso, ha senso parametrizzare il livello di efficienza ambientale e socioeconomica di ciascun prodotto turistico e rendere queste informazioni disponibili al consumatore. Così come viene presentata ai consumatori l’efficienza energetica degli elettrodomestici (che vanno da A ++ a D), nel turismo sarà anche possibile classificare i livelli di benefici e danni che ogni tipo di prodotto turistico può causare. A titolo di esempio, in termini di benefici e danni alla società e all’ambiente, la fase del campionato di gare di rally e il progetto di turismo naturalistico non sono allo stesso livello. E la decisione di sostenere una gara di rally sul progetto di turismo naturalistico rivelerà il livello di CSR del DMO, rispettivamente.

Tuttavia, anche in assenza di un sistema metrico o di classificazione per qualificare le prestazioni ambientali e socioeconomiche di ciascun tipo di prodotto turistico (ad esempio un continuum il cui estremo sarebbe la classificazione di “altamente vantaggioso” e “altamente tossico”), qualsiasi la valutazione del senso comune rivela differenze significative tra le diverse opzioni per lo sviluppo del turismo. Ad esempio: un progetto sull’apitourismo (apicoltura, relativo al turismo) si trova all’estremità opposta del progetto di corse di kart. Allo stesso modo, possiamo opporci al turismo cittadino e al turismo creativo di essere ai poli opposti, per quanto riguarda i loro benefici e impatti negativi.

Come calcio d’inizio e una specie di provocazione per i miei colleghi accademici, presenterò quindi una bozza di classifica bipolare di prodotti turistici in base al loro grado di nocività a vantaggio delle comunità ospitanti e dell’ambiente. Il polo negativo del continuum è rappresentato da una grande “impronta di carbonio” (o molte impronte), mentre il polo più positivo è rappresentato da una grande “impronta di miele” (o molti vasi di miele). La figura seguente è solo una rappresentazione generica del modello che presento come una sfida per tutti gli accademici, chiedendo a tutti i miei colleghi di schierarsi a favore di prodotti turistici più sostenibili.

Massimo beneficio tabella

Ritengo pertanto che un sistema di classificazione degli impatti dei prodotti turistici, basato su una scala bipolare di benefici rispetto ai livelli di nocività, consentirà un sistema di riferimento per guidare le decisioni sia dei decisori pubblici sia dei consumatori / turisti. Inoltre, l’uso della figura di “Impronta di miele” consentirà di moderare i discorsi critici sul turismo, totalmente basati sulla figura dell ‘”impronta di carbonio”, ignorando che il turismo ha anche effetti positivi, che variano da caso a caso.

Ma anche in assenza di un sistema di classificazione, il DMOs non può sottrarsi alle proprie responsabilità, poiché spetta a loro guidare lo sviluppo del turismo in una direzione particolare. E la “migliore direzione” per questi benchmark universalmente riconosciuti sono i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite (SDO). Pertanto, ogni DMO deve fare attenzione nel definire il profilo della destinazione, strategico e selettivo nel definire la gamma di prodotti turistici, in modo da garantire un uso intelligente e sostenibile delle risorse endogene, volto a migliorare la qualità della vita delle comunità locali.

Inoltre, essendo le destinazioni turistiche “grandi orchestre”, dove i vari strumenti musicali sono nelle mani di numerosi “stakeholder”, ogni DMO deve creare una “partitura” funzionale che garantisca l’armonia collettiva come condizione per il successo, ovvero essere in grado di produrre un’offerta turistica creativa di grande valore per i suoi consumatori. In questo contesto, dal punto di vista della trasparenza, il dialogo e il networking sono alcune delle qualità più preziose di qualsiasi DMO. Deve inoltre avere la capacità di assimilare e adottare le conoscenze scientifiche e tecniche necessarie per una gestione moderna e competente.

E data la complessità del sistema turistico, i DMO non possono dimenticare che hanno una bussola che li aiuta a rimanere in rotta, in definitiva, tutte le loro attività devono avere come corollario la qualità della vita delle comunità ospitanti e, contemporaneamente, la soddisfazione di turisti. Ne consegue logicamente che le opzioni di investimento turistico che non contribuiscono alla valorizzazione delle risorse endogene e al miglioramento della qualità della vita delle comunità locali dovrebbero essere completamente respinte, anche se sembrano essere sostenibili da qualsiasi proselitismo economico o del Greenwashing.

È proprio quando devono decidere tra obiettivi e opzioni contrastanti – l’interesse degli investitori verso l’interesse superiore delle comunità locali – che le prestazioni dei DMOs in termini di responsabilità sociale diventano più evidenti. E, curiosamente, tali dilemmi etici sono molto più frequenti di quanto possano immaginare alcune menti ben intenzionate ma ingenue. E, sfortunatamente, non esiste un organo indipendente per valutare l’adeguatezza e l’interesse pubblico delle decisioni prese dal DMOs. Quindi, ripeto, è tempo che la comunità accademica si assuma la propria responsabilità sociale esaminando sistematicamente e rigorosamente il tipo di decisioni che vengono prese dai DMOs, piuttosto che semplicemente lusingare il potere, come nella maggior parte dei casi.

Supportare le infrastrutture per nuovi modelli di sviluppo turistico

Per un secolo, i governi hanno mostrato estrema generosità nel promuovere il turismo di massa finanziando le sue infrastrutture (sistema giuridico adeguato, piani turistici, piani urbani, porti turistici, porti di navi da crociera, aeroporti, ecc.).

Questi supporti governativi si adattano alla logica tradizionale dello sviluppo regionale top-down (ovvero un modello di sviluppo concentrato orientato alla suddivisione in zone spaziali delle attività economiche, utilizzando fattori e risorse al di fuori della regione che sono intervenuti, sulla base di criteri decisionali che sono definiti anche al di fuori di tali regioni). Tuttavia, questa logica viene gradualmente sostituita da un orientamento dal basso verso l’alto che cerca di superare gli squilibri regionali non solo attirando risorse e fattori esterni, ma principalmente attraverso l’uso intelligente e sostenibile delle risorse endogene dei territori, basato su criteri decisionali degli stessi attori locali.

Inoltre, negli ultimi decenni sono stati individuati approcci bottom-up per soddisfare al meglio le esigenze del turismo sostenibile. In Portogallo, come in molti altri paesi europei, esistono numerose storie di successo che confermano la vitalità e i vantaggi del modello endogeno di sviluppo regionale. Ecco alcuni buoni esempi relativi a diversi prodotti turistici: Progetti di turismo di villaggio (ad es. Rete di villaggi scisto, rete di villaggi storici e rete di villaggi di montagna, ecc.), Progetti di turismo naturalistico (ad es. Arouca Geopark o Geopark Estrela), Turismo culturale progetti (ad es. eco museo del percorso Barroso o dei Romani) o anche nel campo del turismo astronomico, il progetto Alqueva del cielo oscuro. A causa della loro singolarità e capacità di suscitare esperienze autentiche, tutti questi progetti sono riferimenti nazionali e internazionali e tutti hanno alcune somiglianze che vale la pena menzionare, vale a dire:

  • sono progetti promossi e coordinati da organizzazioni che operano su una rete, aggregando testamenti e creando un’identità sociale positiva, che facilita l’unione degli sforzi verso uno scopo comune;
  • strutturano l’intera offerta viaggiando attorno alla salvaguardia e alla promozione di una certa risorsa endogena (patrimonio storico-culturale o naturale) e da questa risorsa unica e differenziante promuovono la regione come marchio di destinazione;
  • offrono esperienze uniche ai visitatori / turisti, rendendo possibili molte aziende e attirando nuovi imprenditori sul territorio.

Ma mentre possono essere un’ottima alternativa ai prodotti del turismo di massa che sono dominati dai titani della grande industria globale, i prodotti turistici locali, il cui terreno sono le risorse endogene, sono ancora nella fase embrionale della loro evoluzione, e la loro infrastruttura è ancora molto fragile, quindi hanno bisogno del sostegno del governo per consolidarsi come una vera alternativa. E mentre è vero che per decenni i governi hanno investito abbondantemente e generosamente nell’infrastruttura per sostenere il turismo di massa “pesante”, è anche vero che quegli stessi governi sono stati troppo parsimoniosi o addirittura riluttanti quando si tratta di sostenere progetti turistici soft / smooth che stanno emergendo dalle nuove dinamiche dello sviluppo bottom-up.

Una simile discrepanza nel sostegno del governo a progetti turistici locali può persino essere considerata un’ingiustizia, soprattutto in relazione alle comunità locali che persistono nel vivere in territori a bassa densità, rivitalizzandoli e mantenendo in vita le tradizioni ancestrali di villaggi remoti. Sono queste persone che forniscono la migliore alternativa per il nuovo turismo. Tuttavia, nessuna forma di turismo è consolidata dalla generazione spontanea senza il supporto dedicato e sistematico delle entità pubbliche. Infatti, affinché si verifichi lo sviluppo endogeno, tre condizioni devono essere soddisfatte contemporaneamente:

  • avere qualcuno con la volontà e la capacità di organizzare i mezzi di produzione, cioè avere qualcuno con un buon progetto;
  • l’esistenza di condizioni materiali e istituzionali che consentono di realizzare questo progetto;
  • l’esistenza di capacità organizzative che garantiscono la competitività sul mercato.

È responsabilità di governi e DMOs creare l’ecosistema abilitante istituzionale per far fiorire i prodotti turistici locali. In particolare, gli enti pubblici dovrebbero investire in modo coerente e permanente nella formazione degli attori locali, fornendo loro le competenze per innovare, creare e / o modernizzare le loro attività. A questo proposito, il progetto “Creatoure”, che menzionerà sotto, è un brillante esempio.

Il turismo creativo come prototipo per il nuovo turismo “slow, smart & small”

Il turismo creativo è emerso come reazione al turismo culturale di massa. La sua genesi è legata alle crescenti esigenze dei consumatori che cercano un’esperienza più autentica e coinvolgente e che esprimono il desiderio di coltivare la propria creatività attraverso il turismo. L’approccio del turismo creativo consente a entrambe le parti – visitatori e comunità ospitanti – di beneficiare ugualmente del turismo integrando le attività artistiche e creative della comunità ospitante nel processo di sviluppo socio-economico e culturale e promuovendo così la vitalità e la sostenibilità dei territori.

Il turismo creativo offre ai visitatori l’opportunità di sviluppare il loro potenziale creativo attraverso la partecipazione attiva a seminari, corsi e altre esperienze di apprendimento che sono caratteristiche della destinazione turistica che visitano. È una nuova forma di turismo in cui le risorse naturali, culturali e personali non vengono sfruttate, ma piuttosto valorizzate e ottimizzate, dando vita a un nuovo paradigma di sviluppo in cui l’industria del turismo collabora con attori locali tra i più diversi, agricoltori, artisti, artigiani, manager culturali e altri.

Al fine di sviluppare ed attuare un approccio integrato al turismo creativo nelle piccole città e nelle aree rurali del Portogallo, il progetto “Creatoure” è stato implementato e la sua metodologia comprendeva quattro dimensioni chiave: partecipazione attiva dei visitatori; espressione creativa di sé; apprendimento; e immersione nella comunità locale.

Implementato tra il 2017 e il 2019, sotto la guida di Nancy Duxbury, il progetto Creatoure ha coinvolto cinque centri di ricerca che hanno lavorato nella rete e in stretta collaborazione con diverse decine di organizzazioni, situate in piccole città e villaggi di quattro regioni portoghesi: settentrionale, centrale, Alentejo e Algarve. Sono state realizzate in totale 40 iniziative pilota per monitorare processi, risultati, problemi e impatti delle attività turistiche sulla promozione di entità creative e sviluppo locale. Al fine di mettere in relazione la creatività con il luogo in cui accade e per integrare lo sviluppo delle iniziative pilota, si sono tenuti numerosi incontri di riflessione e condivisione delle esperienze: il cosiddetto supporto. È stato inoltre implementato un piano di formazione e consolidamento per reti e cluster, incentrato sullo sviluppo di strategie e misure per la sostenibilità post-progetto. Il seguente video aiuta a comprendere meglio tutte le dinamiche del progetto generale creato:

Il progetto Creatoure è un ottimo esempio del fatto che è possibile aprire un nuovo modo di costruire un approccio veramente sostenibile al turismo nei paesi europei, che condensano millenni di cultura e in cui ogni villaggio o città può essere considerato una fonte di possibilità per la cultura creativa turismo.

Tuttavia, l’esistenza effimera di Creatoure è forse il suo limite principale: era un progetto che durava solo 3 anni. Al fine di sostenere attivamente le iniziative di turismo creativo, dovrebbe esistere un’istituzione o agenzia permanente con gli stessi obiettivi di creatoure. Le Istituzioni devono offrire un supporto permanente a progetti creativi sparsi su tutto il territorio, è molto difficile mantenere viva la fiamma dell’innovazione e dell’imprenditorialità nei territori a bassa densità. Pertanto, come accennato in precedenza, senza il sostegno sistematico di governi e autorità pubbliche (che non contraggono il sostegno al turismo di massa) sarà molto difficile invertire la situazione per quanto riguarda il consolidamento di un turismo dolce, regolare e alternativo.

Proprio come una pianta che è ancora molto tenera deve essere trattata e protetta dalle intemperie, così le forme regolari di turismo devono essere protette e apprezzate dalle istituzioni pubbliche che esistono per prendersi cura del bene comune.

Una nuova rubrica

Tra i molti dubbi che assillano la mia mente esattamente come la vostra in questi giorni una sola certezza credo di avere: quando torneremo alla vita di tutti i giorni, nulla sarà come prima. Stiamo affrontando una sfida che è riduttivo chiamarla organizzativa, è una sfida filosofica, è la visione del mondo che cambierà e sulla quale ci sarà da costruire il nuovo. “E se domani… e sottolineo “se” è una nuova rubrica che è aperta ai contributi di intellettuali, scienziati, artisti, uomini di cultura di tutta Europa. Seguiteci e mandate le vostre impressioni che pubblicheremo periodicamente con l’intendo di costruire una antologia delle idee.

Giampaolo Sodano

Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornati sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.