L’Interprofessione dell’olio d’oliva spagnola ha voluto conoscere la percezione che i visitatori stranieri hanno di questo alimento, verificando in linea generale che ne apprezzano e valorizzano la qualità e il sapore e, sempre più spesso, i suoi effetti positivi sulla salute.

Un gran numero di turisti provano l’olio d’oliva per la prima volta durante le loro vacanze estive in Spagna. Un’esperienza che li accompagna quando tornano nei luoghi di origine.

Come risultato di questo sondaggio, il turista britannico Len Ross sottolinea, ad esempio, che la gastronomia, insieme al clima e alla sua gente sono le ragioni principali che lo hanno spinto a viaggiare in Spagna e l’olio d’oliva è uno di quegli ingredienti che non vuole perdere. “Mi piace molto e lo uso nel mio paese, con aglio, pane e vino spagnolo”, confessa.

Olio di oliva estratto a freddo
(pixabay.com by ulleo)

In Colombia non era molto comune consumare olio d’oliva qualche anno fa, ma ora la popolazione lo richiede molto di più grazie all’ascesa della Dieta Mediterranea, spiega Ángela Pacheco. “Nel mio paese, la gastronomia spagnola è conosciuta come cucina mediterranea e l’olio d’oliva va dentro. E’ utilizzato principalmente con pane e stufati”, dice.

Il cileno Consuelo Parra è uno studente di cucina e dice: “Mi piace usare l’olio d’oliva in tutti i miei piatti”.

Oltre al gusto, alla qualità e alla versatilità gastronomica, molti turisti apprezzano i benefici effetti sulla salute del consumo regolare di olio d’oliva, pilastro fondamentale della Dieta Mediterranea. “Sì, l’ho provato e lo adoro. Lo prendo ogni giorno nelle mie insalate e per tutto”, dice la brasiliana Teresa Shillong.

Martha Soler sostiene anche che “in Colombia lo usiamo per tutti i tipi di piatti e insalate. Inoltre, ora che non posso mangiare molti grassi, l’olio d’oliva è l’unico prodotto che compro”.

La ricchezza di usi culinari dell’extra vergine è un’altra delle opzioni più apprezzate dai turisti che hanno villeggiato quest’estate in Spagna. “Usiamo sempre olio d’oliva spagnolo, è l’unico che compriamo. E lo facciamo per preparare di tutto, dai piatti seri ai popcorn”, spiega la cilena Irene Sepúlveda. “Lo conosciamo e lo amiamo. Utilizziamo l’olio d’oliva per friggere, con il pane e per accompagnarlo ai pasti.”, dice il suo connazionale Gustavo Ledezma.

Anche il messicano Carlos Gonsier “ama molto il prodotto”, anche se lo riserva per “pasti molto speciali e per alcune insalate”.

“Vengo dalla Bolivia e nel mio paese l’unico olio d’oliva che vediamo è lo spagnolo. E, naturalmente, lo usiamo, sia nelle insalate che in generale. Qui abbiamo una preferenza per l’olio d’oliva”, sottolinea Saliselo Ríos.

Non tutti gli intervistati hanno informazioni adeguate sull’origine del prodotto. È il caso della canadese Alison Kihoit, che non aveva sentito parlare dell’olio d’oliva spagnolo fino a quando non ha visitato il paese: “Ho pensato che l’olio d’oliva venisse dall’Italia”, afferma, allo stesso tempo, che considera questo prodotto “fantastico e delizioso”.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Teatro Naturale
“Teatro Naturale” è un magazine settimanale online dedicato al mondo rurale. Presente in rete dal 2003 e nato per dar voce a chi – come chi vive in e di agricoltura – non è adeguatamente rappresentato dagli attuali mezzi di informazione, è diventato nel tempo il punto di riferimento per quanti non solo vogliono essere informati puntualmente sull’attualità agricola, alimentare e ambientale, ma che non disdegnano un invito alla riflessione e alla rinascita di un pensiero rurale libero, scevro da appartenenze e ideologie. Di quanti credono che il mondo rurale non solo debba tutelarsi e proteggersi, ma anche evolversi e che la qualità dei prodotti possa passare attraverso la qualità delle persone. Moondo grazie alla collaborazione con Teatro Naturale ripropone alcuni degli articoli più interessanti pubblicati settimanalmente.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: