8.3 C
Roma
venerdì 5 Marzo 2021

Anteprima News Rassegna stampa del 03 Aprile 2018

Rassegna stampa del 03 Aprile 2018

Autore del contenuto

Come tutti i giorni ecco tre estratti dall’Anteprima di Giorgio Dell’Arti del 03 Aprile 2018.

Londra più violenta di New York

Con 45 omicidi dall’inizio dell’anno, Londra ha superato New York nella classifica delle città più pericolose del mondo [De Carolis, Cds]. «Ma le capitali delle morti violente, nel mondo, oggi sono altre: Rio de Janeiro, che nel 2017 ha avuto 6.731 uccisioni, e ha dovuto chiamare l’esercito a pattugliare il centro e le favelas; Caracas, in Venezuela, con 3.387 omicidi, terreno di scontro fra criminalità, bande paramilitari e narcos; Città del Capo, in Sud Africa, a quota 2.500, dove è perfino rischioso fermarsi in auto agli incroci con i finestrini abbassati» [Franceschini, Rep].

Tornano a crescere le morti sul lavoro

Le morti sul lavoro dal 2000 al 2016 si erano dimezzate; nel 2017 e in questo scorcio di 2018 sono tornati a crescere. Nel 2017 le denunce all’Inail di «infortunio sul lavoro con esito mortale» sono state 1.029, undici in più rispetto all’anno precedente (+1,1%). E nei primi tre mesi dell’anno l’aumento è stato del 12%. Le ultime due vittime il giorno di Pasqua nel Bergamasco, due operai travolti dalle lamiere di un serbatoio pieno di farine.

«A cosa è dovuta questa preoccupante inversione di tendenza? Per gli esperti è colpa prevalentemente della ripresa economica.

Che si è accompagnata a un maggior utilizzo di lavoratori over 60, più esposti agli incidenti, e a una diffusione maggiore dei contratti a tempo determinato, che con la continua rotazione di mansioni e impieghi impediscono che i lavoratori possano accumulare le competenze e le informazioni che servono ad evitare di farsi male, o peggio, morire» [Giovannini, Sta].

Bambini

Secondo la National Education Union, il sindacato della scuola britannico, sono sempre di più i bambini inglese che si presentano a scuola «pallidi, visibilmente denutriti e affamati». Gli insegnanti raccontano che molto di loro si portano via il cibo che avanza nelle mense scolastiche. «Il lunedì è il giorno peggiore», ha detto la maestra Lynn alla Bbc, «i bambini entrano in classe a stomaco vuoto, nel week-end mangiano poco e niente» [Rep].

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.