Succede Oggi:

Un po’ di pioggia sul Centro-Sud e sulla Sardegna. Sole e qualche nuvola sul resto d’Italia. Temperature in calo • Voto di fiducia sul decreto fiscale • Giornata internazionale dei disabili • All’asta l’epistolario di Ian Fleming • Si apre il XXX vertice della Nato • La storia del Milan alla libreria Hoepli di Milano • Le Nozze di Maurizio De Giovanni • Ludovico Einaudi al Dal Verme • Il Vangelo di oggi: «Ti rendo lode, o Padre, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e le hai rivelate ai piccoli».

È stato firmato l’accordo per la cessione a Exor della partecipazione di Cir in Gedi per il 43,78%, al prezzo di 0,46 euro per azione, ovvero per 102,4 milioni euro. Lo hanno ufficializzato ieri sera le due società in un comunicato congiunto. Nella nuova società Cir sarà socia al 5% «al fine di accompagnare l’evoluzione della società editoriale nei prossimi anni». Spiega John Elkann: «Oltre a portare l’esperienza maturata nel settore, anche a livello internazionale, Exor assicurerà la stabilità necessaria per accelerare le trasformazioni sul piano tecnologico e organizzativo. Siamo convinti che il giornalismo di qualità ha un grande futuro, se saprà coniugare autorevolezza, professionalità e indipendenza con le esigenze dei lettori, di oggi e di domani». Rodolfo De Benedetti, a capo della Cir dal 2013, ha ringraziato donne e uomini che in questi 30 anni in cui la famiglia è stata azionista «hanno condiviso questo lungo percorso», fatto anche di fusioni (da ultimo nel 2016 con La Stampa e il Secolo XIX): «Passiamo il testimone ad un azionista di primissimo livello, che da più di due anni partecipa alla vita della Società, che conosce l’editoria e le sue sfide, che in essa ha già investito in anni recenti e che anche grazie alla propria proiezione internazionale saprà sostenere il gruppo nel processo di trasformazione digitale in cui esso, come tutto il settore, è immerso». Ieri in Borsa il titolo Exor ha perso l’1,99% a 68,06 euro per azione, il titolo Cir ha guadagnato il 12,21% a 1,18 euro per azione.

la-repubblica
La Repubblica passa di mano, nuovo proprietario Exor (cassaforte della famiglia Agnelli)

«L’accordo siglato tra la holding della famiglia De Benedetti e Exor prevede un’articolata operazione finanziaria che si svilupperà in più tempi. Cir trasferirà la quota del 43,7% di Gedi entro il primo quadrimestre del 2020, cioè dopo che sarà arrivato il via libera della Commissione europea e dell’Agcom. Conclusa questa operazione Exor, che farà impiego di mezzi propri, creerà una società veicolo (newco) per lanciare un’offerta pubblica d’acquisto obbligatoria (Opa) sulla parte rimanente del capitale di Gedi, poco più del 50%. Tra gli altri azionisti di minoranza di Gedi ci sono Jacaranda Falck (al 5,08%) e Carlo Perrone (5,02%). Cir rimarrà comunque azionista e reinvestirà nella nuova società, al valore corrispondente al prezzo d’Opa, rilevando il 5% di Gedi, “al fine di accompagnare l’evoluzione della società editoriale nei prossimi anni”. Cir continuerà a essere rappresentata nel Cda di Gedi […] Ieri intanto Gedi ha perfezionato la vendita del 30% della società Persidera a F2i Tlc 2 e a Ei Towers. L’operazione ha determinato un taglio di 71,1 milioni dell’indebitamento finanziario netto che al 30 settembre 2019 ammontava a 118,4 milioni» [Fornovo, Sta].

Clamoroso
Sigle sindacali nel mondo scolastico italiano: 177. Ore di lezione perse dagli studenti per i 12 scioperi indetti nell’ultimo anno dalle 177 sigle sindacali scolastiche: due milioni e mezzo. Delle 177 sigle sindacali, 114 hanno meno di cento iscritti [Stella, CdS].

In prima pagina
• Repubblica, Stampa & Co sono ufficialmente degli Agnelli
• Conte si difende alla Camera sul Mes: «Tutti i ministri sapevano, contro di me accuse infamanti». Salvini: «Si vergogni»
• Approvato il prestito ponte da 400 milioni per Alitalia. Altri sei mesi per la vendita
• La maggioranza si spacca sulla spazzacorrotti per le fondazioni
• Decreto Fiscale: tassi di interessi ridotti e più tempo per presentare il 730
• Centomila euro per cenare con Renzi. Le tariffe di Bianchi
• Al via a Madrid la conferenza dell’Onu sul clima: «Il mondo scelga, speranza o resa»
• Boris Johnson annuncia una stretta sull’immigrazione: per entrare in Gran Bretagna serviranno visto stile Esta e passaporto
• Francesco accoglie in Vaticano 43 migranti provenienti dall’isola di Lesbo
• Proteste a Malta, il premier Muscat bloccato in Parlamento
• Le prime sanzioni della Cina contro gli Usa per il sostegno alla protesta di Hong Kong
• Dazi sull’import da Brasile e Argentina. La guerra commerciale di Trump continua
• Il professore dell’università di Siena che elogia Hitler su Twitter
• Dell’Utri ha scontato la pena, da oggi torna in libertà
• Omicidio Sacchi, trovata cocaina nell’auto di Paolo Pirino
• La Scala dei Turchi si sta sbriciolando
• A Cagliari anche i vigili hanno la scorta
• Raccolte otto tonnellate di cibo per i poveri
• Chiude la Società dell’Apostrofo
• Una nuova passeggiata spaziale per Parmitano
• L’inganno dell’Uomo Vitruviano è un algoritmo
• Un Cagliari da brividi sconfigge la Samp
• Messi vince il sesto Pallone d’oro e supera Ronaldo
• Il Brescia esonera Grosso dopo tre partite. Torna Corini
• È morto Franco Janich, il libero del Bologna che vinse lo scudetto del 1964.
• Gli Europei di nuoto 2022 sono stati assegnati a Roma

Cultura & Spettacolo Oggi:

  • Alla libreria Hoepli di Milano presentazione di 1899 A.C. Milan. Le storie di Michele Ansani, Gino Cervi, Gianni Sacco e Claudio Sanfilippo (Hoepli), con Milo De Angelis e Gianni Mura (ore 18).
  • Al Teatro alla Scala di Milano concerto di Matthias Goerne (ore 20). Altri concerti: Francesco Renga è al Cinema Teatro Politeama di Piacenza, Fiorella Mannoia al Teatro Augusteo di Napoli, Eros Ramazzotti al PalaRossini di Ancona, Vinicio Capossela al Teatro Metropolitan di Catania, Mika al Forum di Assago (Milano), Patti Smith al Teatro Nuovo Gian Carlo Menotti di Spoleto (Perugia), la Premiata Forneria Marconi al Teatro degli Arcimboldi a Milano; Pacifico e Samuele Bersani sono al Teatro Filodrammatici di Milano.

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese


Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)

GRATIS!!! SCARICA LA APP DI MOONDO, SCEGLI GLI ARGOMENTI E PERSONALIZZI IL TUO GIORNALE



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Giorgio Dell'Arti
Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).