Pochi giorni sono trascorsi dall’omicidio del carabiniere Cerciello Rega, un tragico evento collegato al losco traffico di droga, e Roma è di nuovo teatro di un altro delitto legato al mondo della droga. Ieri sera Fabrizio Piscitelli, detto Diabolik, ultrà della Lazio con trascorsi nel narcotraffico, è stato ucciso con un colpo alla nuca in un parco, tra decine di persone intente a passeggiare e fare jogging, da un killer travestito da runner.

Fabrizio Piscitelli, detto Diabolik, freddato con un colpo di pistola alla nuca
Fabrizio Piscitelli, detto Diabolik, freddato con un colpo di pistola alla nuca

Si è trattato dunque di una esecuzione in puro stile mafioso, tanto che alcuni giornalisti iniziano a parlare di “narco-capitale”, la differenza rispetto a quanto accadeva fino a qualche anno fa sta nel fatto che se un tempo Roma era considerata solo piazza di spaccio e consumo personale, oggi è diventata crocevia per gli arrivi e lo smistamento dei grandi carichi.


Piaciuto l'articolo?

Esprimi il tuo giudizio da 1 a 5 stelle

Media voti espressi / 5. Votanti:

Hai trovato interessante questo articolo...

Condividilo sui tuoi social network

Siamo spiacenti che il nostro articolo non ti sia piaciuto

Aiutaci a crescere e migliorare


La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: