I ricercatori del Moscow Institute of Physics hanno annunciato di essere riusciti a invertire la direzione del tempo. La “macchina del tempo”, descritta in un articolo della rivista Scientific Reports, era composta da un computer quantistico, le cui unità di informazione sono i qubit, ovvero bit quantistici, che, oltre ai valori zero e uno, possono assumere un valore che sovrappone entrambi gli stati.

Durante l’esperimento è stato lanciato un «programma di evoluzione» che ha portato i qubit a disegnare sequenze di zero e uno mutevoli e sempre più complesse. In seguito, un altro programma ha modificato la sequenza di qubit riportandola dal caos all’ordine originario. «Abbiamo creato artificialmente uno stato che evolve in una direzione opposta alla freccia del tempo termodinamica», ha spiegato il capo del gruppo di ricerca, Gordey Lesovik.

tempo

«Superare il secondo principio della termodinamica: più che una legge della fisica, un destino. È la regola secondo cui l’entropia aumenta sempre, il latte versato non può essere recuperato, l’uovo rotto non si ripara e nella vita si può solo invecchiare. Il superamento, c’è da precisare, è solo virtuale e riguarda quel mondo infinitamente piccolo che è governato dalle leggi bizzarre e controintuitive della meccanica quantistica» [Dusi, Rep].

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici.
Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!


Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Giorgio Dell'Arti
Nasce a Catania il 4 settembre 1945. Giornalista dal ’69 a Paese sera. Passa a Repubblica nel ’79: inviato, caposervizio, redattore capo, fondatore e direttore per quattro anni del Venerdì, editore del mensile Wimbledon. Dirige l’edizione del lunedì de Il Foglio, è editorialista de La Stampa e La Gazzetta della sport e scrive per Vanity fair e Il Sole 24 ore. Dell’Arti è uno storico di riconosciuta autorevolezza, specializzato in biografie; ha pubblicato (fra gli altri) L’uomo di fiducia (1999), Il giorno prima del Sessantotto (2008) e l’opera enciclopedica Catalogo dei viventi - 7247 italiani notevoli (2008, riedizione de Catalogo dei viventi - 5062 italiani notevoli, 2006). Tra gli ultimi libri si ricordano: Cavour - Vita dell’uomo che fece l’Italia (2011); Francesco. Non abbiate paura delle tenerezza (2013); I nuovi venuti (2014); Moravia. Sono vivo, sono morto (2015); Bibbia pagana (2016).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci un commento
Inserisci il tuo nome: