8.9 C
Roma
giovedì 20 Gennaio 2022
Anteprima News Trump autorizza a sparare sui migranti

Trump autorizza a sparare sui migranti

Autore del contenuto

[GTranslate]

Trump autorizza a sparare sui migranti

I seimila soldati schierati al confine tra Usa e Messico sono stati autorizzati a usare «la forza letale» contro i circa 500 disperati giunti da Guatemala e Honduras che sperano di entrarte in qualche modo negli Stati Uniti. Il Washington Post scrive che l’amministrazione americana vuole che i migranti restino in Messico finché la loro richiesta d’asilo non sarà stata esaminata ed eventualmente approvata. Saranno ammessi solo quelli che possono provare un «ragionevole timore» di persecuzioni.

Clamoroso

«Ogni minuto che passa, secondo uno studio della società americana Qmee, su Facebook appaiono due milioni e mezzo di post, quasi due milioni di “mi piace” e vengono caricati 350 giga di dati. Contemporaneamente nascono 571 nuovi siti e solo su WordPress (la piattaforma di blog più famosa) vengono pubblicati 347 post; nel frattempo su Twitter compaiono 278 mila nuovi cinguettii. E poi ancora vengono inviati 204 milioni di email, su YouTube si caricano 72 ore di filmati e su Instagram appaiono 3.600 fotografie (tendenzialmente paesaggi, gambe distese sulla spiaggia e piatti pieni di cibo). Non basta un giorno per leggere o vedere tutto quello che in un minuto viene caricato sul Web» [Vietti, Foglio]

Rottura anche professionale tra Dolce e Gabbana?

Dagospia scrive che il vero padrone di D&G è Domenico Dolce (quello pelato), che controlla tra il 70 e il 90% della società. A Shanghai, dopo le gaffe di martedì, l’hanno visto piangere. «A Milano circola la voce di un imminente divorzio professionale tra i due. Il fatto grave è che un terzo del giro d’affari di D&G viene dalla Cina dove da oggi non è più possibile comprare nulla del marchio sulle varie piattaforme internet dove i cinesi fanno il 90 per cento dei loro acquisti. I cinquanta negozi sparpagliati per il paese hanno infatti una mera funzione promozionale. Costano tra l’altro un botto, e pare che l’ordine governativo sia di lasciarglieli aperti per far loro spendere inutilmente un sacco di soldi. Gli esperti di politica economica cinese dicono che questa è solo la prima di tante rappresaglie: potrebbe anche partire un serio boicottaggio internazionale». Secondo Filippo Santelli di Repubblica il boicottaggio di D&G potrebbe costare alla ditta sui 36 milioni di euro l’anno.

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese

Anteprima






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.