6.5 C
Roma
lunedì 26 Febbraio 2024
Anteprima NewsTrump riconosce Guaidó presidente del Venezuela

Trump riconosce Guaidó presidente del Venezuela

Autore del contenuto

Il Venezuela è nel caos. Dopo una Grande Marcia a Caracas e un comizio oceanico, puntellati da scontri con la polizia che sono costati parecchi morti (è tutto ancora molto confuso), un giovane ingegnere di 35 anni che si chiama Juan Guaidó e guida il partito Voluntad Popular si è proclamato presidente e ha subito ottenuto il riconoscimento di Stati Uniti, Canada, Colombia, Brasile, Argentina, Cile, Costa Rica, Paraguay, Perù e l’Organizzazione degli Stati Americani.

Dall’Europa, appoggio del presidente del consiglio Ue, Donald Tusk, mentre Putin ha preso posizione contro. Trump ha twittato. «Il popolo venezuelano ha già sofferto abbastanza», mentre Mike Pompeo ha dichiarato: «Maduro si faccia subito da parte, a favore di un leader legittimo che rappresenta la volontà dei venezuelani. Mi rivolgo ai militari e alle forze di sicurezza perché appoggino la democrazia e proteggano i cittadini venezuelani».

La risposta di Maduro è stata dura: rottura delle relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti e ordine a tutto il personale dell’ambasciata Usa di lasciare il Paese entro 72 ore. Però non è ancora stato spiccato – mentre scriviamo – un mandato di cattura contro Guaidó. Maduro ha organizzato una contromanifestazione in suo favore e s’è fatto vedere al balcone del palazzo presidenziale e ha tuonato: «Da qui non ci muoviamo perché siamo stati eletti dal popolo. Solo così si diventa presidente!» Per Guaidó, si dice, sarà meglio rifugiarsi in qualche ambasciata amica (tipo quella colombiana) e da lì dirigere il suo governo in esilio. Il rischio di finire rapidamente in galera è molto alto.

“La nostra speranza è che Maduro capisca il messaggio, e accetti una transizione pacifica del Venezuela verso la democrazia e la libertà. Altrimenti tutte le opzioni sono sul tavolo”. Così una fonte autorevole della Casa Bianca ha descritto la strategia degli Stati Uniti, dopo il riconoscimento di Juan Guaidó come nuovo presidente, durante una conference call con i giornalisti. Le opzioni di cui parlava al momento sono soprattutto economiche e diplomatiche, incluso il blocco delle importazioni di petrolio, ma la prassi dell’amministrazione è non escludere mai l’uso della forza, soprattutto se il regime reagisse scegliendo la strada della violenza.

L’escalation di Washington è stata determinata da due fattori: primo, l’inizio del secondo mandato di Maduro, considerato illegittimo per il modo in cui si sono svolte le elezioni; secondo, il cambiamento di direzione politica in America Latina, dove negli ultimi tempi sono entrati in carica governi ostili al chavismo, dal Brasile alla Colombia, passando anche per Cile e Argentina. [Mastrolilli, Sta]

CLICCA QUI e ricevi gratuitamente anteprima completa via mail per un mese

Anteprima





Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.