27.1 C
Roma
giovedì 24 Giugno 2021

Network Un uovo al giorno non aumenta i rischi per il cuore

Un uovo al giorno non aumenta i rischi per il cuore

Autore del contenuto

Il consumo di un solo uovo al giorno non sembra essere associato al rischio di malattie cardiovascolari (CVD), secondo un nuovo studio e una meta-analisi condotta dai ricercatori della Harvard T.H. Chan School of Public Health.

“Recenti studi hanno riacceso il dibattito su questo argomento controverso, ma il nostro studio fornisce prove convincenti a sostegno della mancanza di un’associazione apprezzabile tra il consumo moderato di uova e le malattie cardiovascolari”, ha detto il primo autore Jean-Philippe Drouin-Chartier, visiting scientist presso il Dipartimento di Nutrizione e assistente professore presso l’Università Laval in Québec, Canada. Lo studio è stato pubblicato online il 4 marzo 2020 nel BMJ.

Il rapporto tra il consumo di uova e il rischio di CVD è stato un argomento di intenso dibattito nella comunità scientifica negli ultimi decenni. Proprio negli ultimi 12 mesi, tre studi pubblicati hanno riportato risultati contrastanti.

Mangiare un uovo al giorno fa bene o fa male?
Mangiare un uovo al giorno fa bene o fa male? (pixabay.com)

I nuovi risultati aggiornano uno studio del 1999 – la prima importante analisi delle uova e delle malattie cardiovascolari – che non ha trovato alcuna associazione tra uova e rischio di CVD. Lo studio è stato condotto da Frank Hu, Fredrick J. Stare Professor di Nutrizione ed Epidemiologia, presidente del Dipartimento di Nutrizione, e co-autore dello studio attuale.

Per questo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati sanitari di 173.563 donne e 90.214 uomini che hanno partecipato allo Studio sulla salute degli infermieri (NHS) I e II, e allo Studio di Follow-Up dei professionisti della salute (HPFS) che erano esenti da CVD, diabete di tipo 2 e cancro. Sono state utilizzate misure ripetute fino a 32 anni di follow-up per ottenere un quadro dettagliato dei fattori di stile di vita, come l’alto indice di massa corporea e il consumo di carne rossa. I ricercatori hanno anche condotto la più grande meta-analisi di questo argomento, compresi 28 studi con un massimo di 1,7 milioni di partecipanti.

L’analisi dei partecipanti NHS e HPFS non ha trovato alcuna associazione tra il consumo moderato di uova e il rischio di CVD. I risultati della meta-analisi hanno supportato questa scoperta nelle popolazioni statunitensi ed europee; tuttavia, alcune evidenze hanno suggerito che il consumo moderato di uova può essere associato a un minor rischio di CVD nelle popolazioni asiatiche, anche se questo può essere confuso dal modello dietetico generale.

Studio co-autore Shilpa Bhupathiraju, ricercatore presso la Harvard Chan School Department of Nutrition e epidemiologo associato a Brigham e Women’s Hospital, ha detto che, mentre il consumo moderato di uova può essere parte di un modello alimentare sano, non è essenziale. “C’è una serie di altri alimenti che possono essere inclusi in una colazione sana, come i toast integrali, lo yogurt e la frutta”.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.