27.1 C
Roma
giovedì 24 Giugno 2021

Professione Donna Valeria Cagnina

Valeria Cagnina

Autore del contenuto

Valeria Cagnina, classe 2001, appena diciottenne è l’italiana più promettente nel campo della tecnologia dell’innovazione e della robotica, tanto da essere inserita da Forbes nei 100 under 30 che secondo la rivista guideranno il futuro del paese.

La sua storia ha dell’incredibile:

  • a 11 anni partecipa al Coderdojo Milano (CoderDojo è un movimento aperto il cui fine è l’insegnamento della programmazione informatica ai più piccoli ndr) viene “affascinata” da una semplice pianta digitale realizzata con Arduino, chiede ai genitori di acquistare un kit di Arduino e seguendo e modificando tutorial video di Youtube realizza il suo primo robot in grado di muoversi evitando gli ostacoli.
  • scrive la tesina di Terza Media utilizzando Facebook ed intervistando Luca Parmitano mentre era nello spazio, a dimostrazione di come la rete possa essere utilizzata anche dai bambini in maniera intelligente.
  • a 14 anni è speaker al TEDxMilanoWomen, al CNR di Pisa, al Senato della Repubblica e all’opening conference della Maker Faire Rome 2015 nell’Aula Magna della Sapienza di Roma.
  • A 15 anni trascorre l’estate al MIT di Boston al Dipartimento di Robotica, all’interno della classe Duckietown in veste di senior tester. Qui scopre che l’educazione e l’apprendimento possono essere divertenti e giocosi e che non bisogna per forza annoiarsi su un banco di scuola, decide che si impegnerà in questo in futuro.
  • A soli 16 anni crea la propria impresa (OFpassiON) insieme al socio Francesco Baldassarre e gira il mondo per parlare di robotica ad aziende e scuole, attraverso corsi di formazione e conferenze. I corsi hanno subito successo tra un pubblico che non ha età: si va dai ragazzi, agli adolescenti, fino ad arrivare ad adulti e insegnanti a cui Valeria trasmette il suo metodo educativo maturato a Boston. Si impara facendo (learning by doing).

“Cerchiamo di stravolgere il metodo scolastico tradizionale, facendo imparare attraverso il gioco e il divertimento anziché con lezioni frontali nozionistiche, conciliamo attività hi-tech e robotiche con altre non tecnologiche”, racconta Cagnina, “perché le persone che partecipano agli incontri appartengono a mondi diversi anche molto lontani dalla robotica, perciò mescoliamo la parte educativa con la narrazione, il gioco e lo sport. Vogliamo dimostrare che si può trasformare la propria passione in lavoro e che questo si può fare a tutte le età, indipendentemente dal background culturale e dalle diversità di genere”.

Valeria Cagnina
Valeria Cagnina

“Continua a stupirmi che ai bambini di 3 o 4 anni si faccia soprattutto colorare, mentre se stimolati con i giusti canali di comunicazione potrebbero già imparare persino un po’ di robotica. Nella nostra scuola notiamo che fino a 7/8 anni i corsi sono misti, poi man mano che si sale con l’età e che i programmi si focalizzano sul coding, i maschi prevalgono. Lo stereotipo è radicato nelle famiglie e nelle scuole”.

Nel frattempo studia Valeria, come tutti i suoi coetanei, anche se anticipa un po’ i tempi, come scrive sul suo sito: “Ho passato alla fine della 4° superiore i test di ammissione al Politecnico di Milano alla facoltà di Ingegneria. Ho studiato in autonomia per la maturità da privatista (dopo essere stata costretta dalla scuola ad abbandonarla perché non tollerava che avessi un’azienda oltre alla scuola, nonostante i miei ottimi voti). Oggi sono iscritta al Politecnico di Milano alla Facoltà di Ingegneria Informatica”. Piccola parentesi, la scuola italiana invece di favorire ed incoraggiare un piccolo prodigio ne ostacola la crescita, questo dovrebbe far riflettere…

Oggi la base della scuola di Valeria è ad Alessandria ma in futuro vorrebbe aprirne altre in Italia: “Vorrei allargare il panorama d’azione della scuola ad ambiti non solo formativi, includendo anche una vera e propria area di ricerca e sviluppo dedicata alla robotica”.

In bocca al lupo Valeria!






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.