Paolo Gentiloni è il leader più gradito, garantirebbe stabilità e governabilità, argomento che sta a cuore al popolo maggioritario degli italiani: gli indecisi.

Ultime 2 settimane prima del voto: è caccia agli indecisi!

Gli ultimi sondaggi non hanno un particolare significato, ma sono utili, a due settimane dal voto, per cogliere le oscillazioni dell’opinione pubblica. Lasciati i blocchi di partenza, dopo la presentazione delle liste, si è aperta la fase della corsa verso il voto a cui seguirà il rush finale e decisivo, quello in cui è possibile prevedere che una buona parte degli indecisi scioglieranno le loro riserve. Siamo a questo punto.

L’avvio della campagna aveva visto il centrodestra nettamente in testa, con il 36-38% dei consensi. La coalizione Berlusconi-Salvini-Meloni, ha fatto registrare un trend in flessione, lasciando sul campo in un mese circa il 2% dei consensi. Il partito maggiormente ondeggiante è quello berlusconiano, mentre la Lega di Salvini è stabile intorno al 13% e Fratelli d’Italia si è attestata al 5%. Gli osservatori sono convinti che il fenomeno sia dovuto, almeno in parte, all’arrivo della quarta gamba centrista che, in poche settimane, ha raccolto il 2%.

Stabilità e governabilità
Photo credit: riparteilfuturo

Il centrosinistra allo start era valutato il 27% dei voti: il partito Democratico era il 23% e Più Europa di Emma Bonino e la lista Insieme arrivavano al 4%.

Il movimento Cinquestelle di Casaleggio e Di Maio, ormai Partito a tutti gli effetti, sembra aver rafforzato il proprio posizionamento nel corso dei primi giorni di campagna elettorale, passando dal 26% dell’inizio al 28% di oggi.

Infine Liberi e Uguali, la lista guidata dal Presidente del Senato Grasso, ha avuto un percorso da gambero: dai primi sondaggi che la davano al 6,8% è lentamente scesa al 6% e non sembra risalire.

Ma la cosa più interessante da osservare, secondo i sondaggisti, sono le scelte di voto delle diverse classi sociali. Oltre il sessanta per cento dei ceti bassi si suddivide tra M5S, Lega e FdI.  Il ceto medio-alto preferisce PD e Forza Italia, mentre il M5S attrae il ceto medio più arrabbiato.

primo voto

Stabilità e governabilità, Paolo Gentiloni è il leader che da maggiori garanzia al popolo degli indecisi.

Se questo sembra essere il quadro delle dinamiche di voto nelle diverse classi, per comprendere le tendenze in atto, secondo una indagine di SWG, è utile puntare lo sguardo sulle motivazioni che spingeranno gli elettori a scegliere un partito o un altro. Si scopre che la condivisione delle idee e delle proposte è il motivo principale che induce al voto, ma che un motore importante è la capacità di un partito di “dare certezze”. In questo caso la classifica premia certamente il PD soprattutto per l’opera dell’attuale Presidente del Consiglio.

Stabilità e governabilità
Stabilità e governabilità, Paolo Gentiloni è il leader che da maggiori garanzia al popolo degli indecisi. Photo credit: panorama.it

E gli indecisi come si orientano? Secondo SWG il 30% sta cercando di capire le proposte dei partiti, mentre il 25% metterà la croce sul simbolo del gruppo che darà maggiori garanzie di stabilità e governabilità a cui si aggiunge il 15% che si orienterà sul “meno peggio”.

Quindi se nei prossimi giorni Matteo Renzi dovesse annunciare la decisione del suo partito di ricandidare Gentiloni a presiedere il governo dopo il 4 marzo certamente una parte significativa degli indecisi, fino al 40%, farebbero convergere il loro voto verso il PD.

Potrebbe interessarti anche
Previous articleMeglio la zucca in Carrozza o in Caravella? Io direi risotto!
Next articleHai una stanza senza finestra? Ecco la soluzione ad ogni problema!
Artigiano, mastro oleario, giornalista e dirigente d’azienda, Giampaolo Sodano è nato a Roma. Prima di vincere nel 1966 un concorso ed entrare in Rai come funzionario programmi svolge una intensa attività pubblicistica come critico letterario e cinematografico. Nel 1971 è giornalista professionista. Nel 1979 è dirigente d’azienda della RAI. Nel 1983 è eletto deputato al Parlamento. Nel 1987 torna all’attività professionale in RAI ed è nominato vice-presidente e amministratore delegato di Sipra e successivamente direttore di Raidue. Nel 1994 è direttore generale di Sacis e l’anno successivo direttore di APC, direzione acquisti, produzioni e coproduzioni della Rai. Nel 1997 si dimette dalla RAI e diventa direttore di Canale5. Una breve esperienza dopo della quale da vita ad una società di consulenza “Comconsulting” con la quale nel 1999 collabora con il fondo B&S Electra per l’acquisizione della società Eagle Pictures spa di cui diventa presidente. Nel 2001 è eletto vicepresidente di ANICA e Presidente dell’Unidim (Unione Distributori). Dal 2008 al 2014 è vicepresidente di “Sitcom Televisione spa”. E’ stato Presidente di IAA. Sezione italiana (International Advertising Association), Presidente di Cartoons on the bay (Festival internazionale dei cartoni animati) e Presidente degli Incontri Internazionali di Cinema di Sorrento. Ha scritto e pubblicato “Le cose possibili” (Sugarco 1982), “Le coccarde verdemare” (Marsilio 1987), “Nascita di Venere” (Liguori editore 1995). Cambia vita e professione, diventa artigiano dell’olio e nel 1999 acquista un vecchio frantoio a Vetralla. Come mastro oleario si impegna nell’attività associativa assumendo l’incarico prima di vicepresidente e poi direttore dell’Associazione Italiana Frantoiani Oleari (AIFO). Con sua moglie Fabrizia ha pubblicato “Pane e olio. guida ai frantoi artigiani” e “Fuga dalla città”.

Lasciaci un tuo commento

Please enter your comment!
Please enter your name here