13.6 C
Roma
lunedì 19 Ottobre 2020

Il piacere dei sensi Anagrammi, che passione!

Anagrammi, che passione!

Autore del contenuto

A TE PRÌA / TERAPÌA / TI PAREA / ARTE PIA / E PIRATA / PARI A TE / TERAPÌA / RAPÌA TE

«A te prìa / terapìa / ti parea / arte pia / e pirata / pari a te / terapìa / rapìa te» è l’epitaffio di un medico caduto a opera dei suoi stessi rimedi.

Anche l’anagramma, al pari dell’enigma e della sciarada, è una forma di gioco di origini antichissime; sembra che il poeta Licofrone ne sia stato l’inventore alla corte di Tolomeo Filadelfo (III secolo a.C.): dal nome della moglie del re, ARSINOE, egli trasse ERAS ION (violetta di Giunone). Da allora il gioco prospera in maniera floridissima con esempi innumerevoli e di sensazione.

Giuseppe Aldo Rossi, enigmista e studioso di enimmologia, direttore per molti anni della rivista romana “Il Labirinto”, nella sua Storia dell’enigmistica (CEI, Roma, 1971), a proposito dell’anagramma, riporta insieme questa gustosa successione di esempi:

• i latini da UCSOR (‘uxor’, ‘moglie’) ricavarono ‘orcus’ (‘inferno’);

• il poeta fiorentino Giovan Battista Fagiuoli (1660-1742) insistette:

Chi fe’ quell’anagramma puro e schietto
e che da ‘moglie’ ne cavò ‘mi lego’
fu più che sapientissimo soggetto!

• un enigmista più moderno, Alfiere di Re, ribadì:

Il peggior dei mali
è di pigliar moglie.

Il Longobardo, però, rimise in pareggio la tenzone soggiungendo

Ed il pigliar marito,
ti par l’idea miglior?

• incoraggiato da Guidone, che così concluse:

Non pigliar più moglie, mai accettar marito
o cieca umana gente, parmi il miglior partito.

(in questi ultimi esempi, naturalmente, ciascun verso è anagramma del successivo).

Nella moderna enigmistica anche l’anagramma, come gli altri schemi di gioco, costituisce il pretesto per composizioni a più parti (“a enigmi collegati”). Anche al di fuori di tale utilizzazione, però, esso ha sempre continuato a esercitare un suo fascino, quasi di mistero e di magìa; e davvero esistono esempi sorprendenti di frasi anagrammate dette “a senso continuativo”:

il Cireneo scortava = la Veronica e Cristo
l’aldilà misterioso = assillo dei mortali
bibliotecario = beato coi libri
maestro di canto = tormento di casa
il bianco, il rosso e il verde = i brani dell’eroico vessillo
al Casinò di Montecarlo = ci lascian molto denaro

Leggi anche
La sciarada di Papa Mastai
La contrainte dell’enigma






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.