23.4 C
Roma
martedì 2 Giugno 2020

Alberto Benzoni

Ha lavorato all’Iri dal 1958 al 1996, per oltre trent’anni all’Ufficio studi e poi a quello Internazionale. Iscritto al Psi dal 1957 al 2013. Viceresponsabile del settore esteri dal 1987 al 1992. Consigliere comunale di Roma dal 1971 al 1985, vicesindaco dal 1976 al 1981 nella giunta di sinistra di Argan e poi di Petroselli. Collaboratore di «Avanti!» e di «Mondo Operaio», di «Ragioni del Socialismo» e di numerosi altri periodici di area. Autore di una storia del Partito socialista e, assieme ad altri, di La dimensione internazionale del socialismo italiano (Roma 1993). Ha scritto anche Il craxismo (Roma 1991) e, assieme a Luca Cefisi, Il pacifismo (Roma 1995). Autore infine, assieme alla figlia Elisa, di Attentato e rappresaglia. Il Pci e via Rasella (Venezia 1999), di Le vie dell’Italia (Milano 2009) e, infine, di La storia con i se (Venezia 2013).

Alberto Benzoni

Ha lavorato all’Iri dal 1958 al 1996, per oltre trent’anni all’Ufficio studi e poi a quello Internazionale. Iscritto al Psi dal 1957 al 2013. Viceresponsabile del settore esteri dal 1987 al 1992. Consigliere comunale di Roma dal 1971 al 1985, vicesindaco dal 1976 al 1981 nella giunta di sinistra di Argan e poi di Petroselli. Collaboratore di «Avanti!» e di «Mondo Operaio», di «Ragioni del Socialismo» e di numerosi altri periodici di area. Autore di una storia del Partito socialista e, assieme ad altri, di La dimensione internazionale del socialismo italiano (Roma 1993). Ha scritto anche Il craxismo (Roma 1991) e, assieme a Luca Cefisi, Il pacifismo (Roma 1995). Autore infine, assieme alla figlia Elisa, di Attentato e rappresaglia. Il Pci e via Rasella (Venezia 1999), di Le vie dell’Italia (Milano 2009) e, infine, di La storia con i se (Venezia 2013).
Advertisment

Il caso Silvia Romano

La sinistra radicale (che saremmo noi) non ama le persone come Silvia, ora Aisha, Romano. Nonostante il fatto che questo tipo di persone sia odiato dalle destre. E in modo...

Le parole e i silenzi in tempo di Coronavirus: Trump, Bolsonaro, Macron.

Il Coronavirus ha aperto a tutti il diritto, anzi il dovere di parlare, ammonire, guidare, interpretare, prevedere, consigliare, proporre, riproporre, discutere, vedere, rivedere e quant’altro si possa fare con l’uso...

Dopo, nulla sarà più come prima

Stiamo vivendo una grande catastrofe. Economica e finanziaria; sanitaria e, soprattutto, esistenziale. E, dopo una grande catastrofe, nulla può essere come prima. Questo l’abbiamo capito da soli. Ma prendiamo atto,...

Miracolati senza merito: l’esempio dello Stato italiano

In questo periodo dello scorso anno, lo Stato italiano era come un individuo sospeso tra la libertà vigilata e gli arresti domiciliari. Diminuito nel suo rango, nel suo ruolo, nella...

Europa e Italia ai tempi del Coronavirus

Poco più di tre settimane fa, il coronavirus era scoppiato a Codogno. Di qui la necessità di un intervento economico per fronteggiare la crisi. Si parlò all’inizio di 3/4 miliardi;...

Il Coronavirus, una prova decisiva

Che tipo di mondo, che tipo di società avremo, quando il coronavirus (scusate la battuta; nei momenti difficili e dolorosi il cazzeggio può servire) “avrà esaurito la sua spinta propulsiva”? Una nuova,...

In memoriam

I capitalisti e, in generale, i difensori dell’ordine costituito non hanno bisogno della memoria. A loro il presente; e, beninteso, anche il futuro. E, calvinisticamente parlando, perchè il loro successo...

Oggi ad Hammamet ore 9:00: la parola a Bettino Craxi

“Sono felice di vedervi in tanti intorno a me nel ventesimo anniversario della mia morte. Per me, il vostro affetto è necessario come l’aria che respiro. Anche se, in vita,...