32.4 C
Roma
sabato 2 Luglio 2022

Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.
Advertisment

Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.
Advertismentspot_img

A colazione con Vickie Fante che racconta suo padre, John Fante

"Possiamo sentirci quando torni a New York, dopo che sono stata in tribunale come giurata"? chiede Victoria (Vickie) Fante Cohen a questo giornalista. Poi aggiunge "oppure possiamo incontrarci in Abruzzo a...

Il lato meno “nobile” della scrittura: l’autobiografia

L'inserto domenicale "Book Review" del "The New York Times" divide le recensioni dei libri in quattro sezioni: Fiction, Non-fiction, Children's e Features. Di solito il "Review" –– che è considerato il...

Ritorno in Italia: una giornata di news e commenti

All'estero, con l'eccezione degli Usa, dove le news dall'Italia arrivano aggiornate, il Paese è isolato nonostante la popolarità (non positiva) di Matteo Salvini e l'altrettanta indifferenza verso Luigi Di Maio e verso...

Gente intollerabile: la classifica

"Amo l'umanità. È la gente che non sopporto!" frase scritta dal vignettista americano Charles M. Schulz. Aforisma in seguito diventato bandiera di battaglia dei radical chic.  Poi vi è una massima storica presa dall'etica...

Comey & Mueller: due amici per la pelle che hanno preso la “vacca per le palle”

Erano inseparabili ed intercambiabili: quando James Comey era vice ministro della Giustizia, Bob Mueller era direttore dell'FBI. Poi Comey è passato all'FBI e Mueller al Ministero della Giustizia, entrambi repubblicani. A combinare guai...