25.2 C
Roma
giovedì 4 Giugno 2020

Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.
Advertisment

Addio al barbiere calabrese dell’ex sindaco Bloomberg

Si è arreso al COVID-19 dopo otto settimane di terapia intensiva all'Ospedale Lennox Hill, Alberto Rottura, noto a New York City per essere il parrucchiere dell'ex sindaco della metropoli, Mike...

La pandemia è stata una questione di “o la borsa o la vita”

Lo scorso 8 aprile scrissi che si era a conoscenza dell'epidemia causata dal COVID-19 sin dal 9 gennaio 2020 e che il primo paziente era stato ricoverato a Wuhan, in...

Le due Americhe: “America First” di Trump e “Americans First” di Cuomo

Sappiamo che ci sono diverse Americhe: un'America che vuole togliere il lockdown a tutti i costi, ed un'altra più cauta. Un'America belligerante ed un'America pacifista. Un'America "Trumpista" ed una anti-Trump....

La Guida degli studio di Hollywood per la nuova stagione Tv

Per chi desidera conoscere ciò che le reti americane propongono per la nuova stagione televisiva, la rivista VideoAge lo ha anticipato in rete. Questa "nuova stagione" avrà un inizio tribolato, visto che...

Per la Rai aspettiamo l’arrivo del Messia

Appena sento parlare di televisione mi si raddrizzano le antenne. Ed eccomi a rapporto per commentare l'articolo di Sodano e Pacelli ("La televisione ed il servizio pubblico al tempo della...

Andrew Cuomo: l’attrazione è anche la sua italianità

Come buona parte degli americani, anch'io seguo fedelmente gli aggiornamenti televisivi quotidiani sulla pandemia del 63enne governatore dello stato di New York, Andrew Cuomo. Sono aggiornamenti che lui tiene a specificare...

Il momento peggiore per tornare sobri.

A pensarci bene, il COVID-19 non poteva arrivare in un periodo peggiore per i cittadini di quasi tutto il mondo. Ovviamente non c'è un buon periodo per una pandemia, ma...

La Cina e le riparazioni di guerra

Escludendo i complottisti, è cosa nota a scienziati, militari, accademici e ai servizi d'intelligence di tutto il mondo che la pandemia del COVID-19 è stata causata dalla Cina, sia questo...