20.4 C
Roma
mercoledì 29 Settembre 2021

Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.
Advertisment

Il voto all’estero: regionale piú utile del nazionale

Ci sono regioni in Italia la cui diaspora é molto servita e riverita, tipo Sicilia e Calabria. Poi ci sono altre regioni, come ad esempio l'Abruzzo, i cui residenti all'estero vengono regolamente...

Il profitto aggiuntivo delle linee aeree proporzionale al disagio

Sfortunatamente per andare da un punto A ad un punto B su lunga distanza bisogna prendere l'aereo. E su questo le compagnie aeree ci contano. Ora che la gente ricomincia a viaggiare...

Le zone povere di alberi, sono… povere

In America, le zone verdi distinguono le zone ricche delle cittá. Le aree piú povere non possono essere distinte semplicemente osservando gli edifici perché, ad esempio, nel Bronx a New York ci...

I portici di New York City

L'Italia é anche famosa per i suoi portici e New York City vuole farle concorrenza, ma con una distinzione: i portici, ad esempio, di Bologna risalgono al medioevo, cioé sono stati costruiti...

L’illogicità del “Travel Ban” negli USA per gli italiani

Per via della pandemia, oggi negli Usa possono arrivare cittadini da Taiwan, Brunei e Andorra, ma non quelli dall'Italia e gli altri 25 paesi dell'area Schengen. Dal marzo dell'anno scorso gli Usa...

I misteriosi messaggi dell’ANSA sulla Cina

"Improbabile l'incidente nel lab" é il titolo lanciato dall'ANSA e pubblicato da "AmericaOggi" il martedí 25 agosto, con il sopra-titolo: "Origini del Covid/Esperti: 'Piú plausibile lo scenario della trasmissione animale-uomo'". L'ANSA é...

La stampa etnica negli Usa non deve essere la cenerentola dei media

Negli Stati Uniti lo strumento più potente a disposizione delle campagne elettorali non viene utilizzato: la stampa etnica, che include giornali, riviste, radio, televisione e i media online. Un rapporto di New...

Togliete i computer ai meteorologi americani e date loro una finestra

Una cosa manca ai meteorologi americani: alcune finestre (window) nei loro studi televisivi climatizzati. E non si tratta delle window della Microsoft, bensí di banali finestre (con o senza davanzale) che si...