17.9 C
Roma
martedì 27 Settembre 2022
Lettera daLa NIAF spiega il motivo della cattiva percezione dell'Italia negli Usa

La NIAF spiega il motivo della cattiva percezione dell’Italia negli Usa

Autore del contenuto

Lo scorso 4 aprile, Robert Allegrini, presidente della National Italian American Foundation (NIAF), ha fatto un discorso al Senato italiano per denunciare diversi problemi che vanno a discapito del Sistema Italia ed hanno a che fare con l’immagine dell’Italia e degli italiani negli Usa.

“[Questo é un argomento] di cui scrivo e parlo da più di tre decenni” ha esordito Allegrini, spiegando che la NIAF, nata nel 1976 e basata a Washington, D.C., “è la più importante organizzazione italo-americana che ha come missione la promozione, la protezione e la conservazione del patrimonio culturale italiano negli Stati Uniti [ed] è diventata la voce per gli oltre 20 milioni di americani di origine italiana. La Fondazione è bipartisan e gode del sostegno dei più importanti italo-americani di entrambi i partiti da Nancy Pelosi a sinistra a Mike Pompeo a destra [entrambi di origini abruzzesi]”.

Poi Allegrini si chiede, “qual’è la percezione dell’Italia e degli italiani in America?” e risponde: “Da un lato, c’è amore per il Made in Italy dal cibo, alla moda, alle auto sportive. C’è ammirazione per l’arte, la musica e l’apprezzamento per la creatività e per lo stile di vita italiana”. Purtroppo, aggiunge Allegrini, “questa ammirazione non si traduce in rispetto e fiducia nei confronti del popolo italiano”. Poi specifica: “Il 60% degli americani vive nell’entroterra lontano dal contatto diretto con gli italiani. Ciò significa che le loro percezioni dell’Italia e degli italo-americani non sono formati dall’esperienza personale ma in gran parte dai media e la percezione dei media degli italiani e dell’Italia spesso non è molto positiva.

Hollywood ha la fissazione nel mostrare gli italiani e gli italo-americani come gangster e buffoni, e francamente l’Italia stessa ha combattuto molto poco questa immagine nei media americani. L’Italic Institute of America ha condotto uno studio che indica che quasi il 70% dei 220 film prodotti negli Stati Uniti dal 1928 che presentavano temi italiani o italo-americani, mostravano i personaggi italiani e italoamericani come criminali o ridicoli. Questo si traduce purtroppo in un pubblico americano che ha in gran parte percezioni negative sugli italiani e sicuramente sul fare affari con l’Italia.

Noi americani che studiamo l’Italia vediamo un paese con pochissimo orgoglio o senso di patriottismo. Mentre gli italiani possono essere orgogliosi della loro città natale e di essere europei, sembrano in gran parte disprezzare un’identità italiana collettiva. Questa propensione ha effetti debilitanti per il commercio italiano a livello internazionale perché agli stranieri viene data l’impressione dagli italiani stessi che gli italiani siano partner commerciali tutt’altro che desiderabili o affidabili.

Agli americani potrebbero non piacere i francesi, ma credo che rispettino la Francia molto più dell’Italia. Il motivo è che i francesi sono un popolo orgoglioso, ferocemente difensivo e protettivo della grandezza della Francia, mentre gli italiani sembrano vedere solo i difetti e le sconfitte del loro paese. Gli americani rispettano la visione che la Francia ha di sé stessa, e hanno l’impressione che la Francia sia un paese serio. 

Il sistema educativo italiano del secondo dopoguerra ha prodotto troppi cittadini senza alcun senso di grandezza del proprio Paese, né alcun senso civico. I risultati possono essere visti appena fuori dalle porte di questo edificio in una città dove la spazzatura viene lasciata per strada e dove graffiti deturpano quasi ogni edificio della capitale, compresi i suoi monumenti più sacri. 

Se l’Italia vuole rafforzare la propria posizione nel mondo, non solo politicamente ma anche economicamente, è tempo di invocare una nuova rinascita del patriottismo che produca italiani che siano legittimamente orgogliosi degli enormi risultati del loro paese in ogni ambito dell’attività umana. 

Purtroppo, gli americani sanno molto poco dei molti successi dell’Italia nell’alta tecnologia o nell’industria manifatturiera. I media americani fanno riferimento ai nostri alleati in Europa e parlano quasi esclusivamente di Gran Bretagna, Francia e Germania come se l’Italia non contasse nulla. 

Un recente sondaggio ha mostrato che il 74% degli americani crede che la maggior parte degli italo-americani abbia qualche legame con la criminalità organizzata”.

Infine, Allegrini lancia un appello: “Gli italiani devono rendersi conto che la comunità italo-americana è una delle loro più grandi risorse e devono fare di più per sostenerla perché gli italo-americani sono immensamente orgogliosi della loro eredità. Gli italo-americani sono 20 milioni di ambasciatori per l’Italia e l’Italia dovrebbe coltivare il suo rapporto con questi ambasciatori che sono capaci di fare così tanto per aiutare la percezione della loro patria ancestrale che ancora amano profondamente”.






Siamo una giovane realtà editoriale e non riceviamo finanziamenti pubblici. Il nostro lavoro è sostenuto solo dal contributo dell’editore (CuDriEc S.r.l.) e dagli introiti pubblicitari. I lettori sono la nostra vera ricchezza. Ogni giorno cerchiamo di fornire approfondimenti accurati, unici e veri.
Sostieni Moondo, sostieni l’informazione indipendente!
Desidero inviare a Moondo una mia libera donazione (clicca e dona)



La tua opinione per noi è molto importante.
Commento su WhatsApp
Ora anche su Google News, clicca qui e seguici



Iscriviti alla nostra newsletter gratuita

Rimani sempre aggiornato sugli ultimi approfondimenti.
Lascia il tuo indirizzo mail, seleziona i tuoi interessi e ricevi gratuitamente sulla tua casella di posta la prima pagina di Moondo con le notizie più interessanti selezionate per te.