3.8 C
Roma
martedì 26 Gennaio 2021

Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.

Dom Serafini

Domenico (Dom) Serafini, di Giulianova risiede a New York City ed è
il fondatore, editore e direttore del mensile “VideoAge” e del quotidiano fieristico VideoAge Daily", rivolti ai principali mercati televisivi e cinematografici internazionali. Dopo il diploma di perito industriale, a 18 anni va a continuare gli studi negli Usa e, per finanziarsi, dal 1968 al ’78 ha lavorato come freelance per una decina di riviste in Italia e negli Usa; ottenuta la licenza Fcc di operatore radio, lavora come dj per tre stazioni radio e produce programmi televisivi nel Long Island, NY. Nel 1979 viene nominato direttore della rivista “Television/Radio Age International” di New York City e nell’81 fonda il mensile “VideoAge”. Negli anni successivi crea altre riviste in Spagna, Francia e Italia. Dal ’94 e per 10 anni scrive di televisione su “Il Sole 24 Ore”, poi su “Il Corriere Adriatico” e riviste di settore come “Pubblicità Italia”, “Cinema &Video” e “Millecanali”. Attualmente collabora con “Il Messaggero” di Roma, con “L’Italo-Americano” di Los Angeles”, “Il Cittadino Canadese” di Montreal ed é opinionista del quotidiano “AmericaOggi” di New York. Ha pubblicato numerosi volumi principalmente sui temi dei media e delle comunicazioni, tra cui “La Televisione via Internet” nel 1999. Dal 2002 al 2005, è stato consulente del Ministro delle Comunicazioni italiano nel settore audiovisivo e televisivo internazionale.
Advertisment

É etico raccontare bugie agli ammiratori di Trump

Recentemente la BBC America, la rete britannica che trasmette negli Usa, ha inviato un loro giornalista ad intervistare alcuni elettori dello stato della Florida che, tradizionalmente, votano repubblicano. Tra gli intervistati vi...

Per tornare alla normalità ignorare le “Teste di Trump”

A questo punto per risolvere il problema Covid e tornare ad una vita il piú normale possibile nel piú breve tempo possibile bisogna cambiare strategia. I medici a livello mondiale sono oramai...

Il comico abruzzese Federico Perrotta in vena di celebrazioni e presentazioni

Per la continua celebrazione dei 100 anni del Gran Caffé Vittoria a Chieti, l'attore comico teatrale, cinematografico e televisivo abruzzese, Federico Perrotta ha portato nella città teatina Dom Serafini, autore del recente...

Le parolacce come unica fonte accettabile di umorismo ed altre considerazioni

In vista del Festival de la Comédie dal 5 al 10 ottobre al Grimaldi Forum di Montecarlo, ecco delle brevi considerazioni, visto che in America ora è quasi impossibile scrivere testi umoristici,...

Al Rose Garden un evento degno di Kim Jong-un

È stato imbarazzante guardare in televisione la cerimonia per la presentazione della candidata alla Corte Suprema Usa da parte del presidente Donald Trump lo scorso sabato al Rose Garden della Casa Bianca....

La cucina meglio della libreria come sfondo per Zoom. I libri sono deprimenti

A casa ho circa 150 libri. Metà letti, metà non ancora letti e metà parzialmente letti. In questo momento, nella lista "da leggere parzialmente" ci sono quattro libri: "Up All Night" di...

I ricordi di due Sergio Zavoli

Conservo due ricordi di Sergio Zavoli: il primo risale a quando lo ascoltavo religiosamente alla radio. La radio in questione era un Minerva con "l'occhio magico" che indicava la posizione sul quadrante...

I votanti latini fanno sentire la loro voce contro Trump

Univision Noticias, il telegiornale della principale rete TV in lingua spagnola negli Usa, ha rilasciato i risultati di un sondaggio presso gli elettori ispanici per il voto delle presidenziali americane. Il sondaggio...